menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Muore di leucemia ad appena 10 anni, Geraci Siculo sotto choc per Marta

Nel centro delle Madonie oggi è stata proclamata una giornata di lutto. Un paese in lacrime: "Poche parole vengono in mente in momenti come questo, solo tanta commozione e tristezza". Impossibile, per ragioni cliniche, la donazione degli organi ma i genitori hanno firmato ugualmente il consenso come gesto simbolico. I medici: "Rende l’idea della bellezza di questa famiglia"

L'intera comunità di Geraci Siculo è sotto choc per la morte della piccola Marta, di appena dieci anni, stroncata ieri da una leucemia fulminante. Nel centro delle Madonie oggi è stata proclamata una giornata di lutto. La bambina sabato pomeriggio si è sentita male. E' stata visitata dal medico di famiglia e dai sanitari del 118 che hanno subito disposto il trasferimento all'ospedale Di Cristina di Palermo in elicottero. Da lì la situazione si è complicata col passare delle ore con il tragico epilogo.

Dai genitori, nonostante il dolore e la disperazione, un gesto di profonda generosità. "A causa della leucemia - spiega Tania Lazzaro, direttore dell’Uoc di Rianimazione del nosocomio - non era possibile il prelievo degli organi e questo ha acuito ancora di più il dolore dei genitori, che speravano che la morte della figlia potesse almeno servire a far rinascere altri bambini. Simbolicamente hanno comunque firmato il modulo di consenso alla donazione. Ciò dà l’idea della bellezza di questa famiglia, che ha radicato in sé stessa il concetto di dono”. 

"Lasciare il mondo nella primavera della vita è la cosa più difficile per i genitori - sottolinea Giorgio Battaglia, coordinatore del Crt Sicilia - ma papà e mamma hanno urlato al mondo la  generosità del gesto del donare per dare la vita a tanti che attendono che la morte non abbia l’ultima parola, non per caso questo gesto giunge nella settimana pasquale”. 

"Poche parole vengono in mente in momenti come questo, solo tanta commozione e tristezza - spiegano dal Comune di Geraci -. L'intera comunità si stringe attorno alla famiglia che sta sopportando questo terribile dolore per la prematura ed improvvisa scomparsa della piccola Marta. La perdita di un figlio è la cosa più straziante e innaturale che possa capitare ai genitori.  Piccolo angelo, da lassù veglia sulla tua famiglia. Ciao Marta".

I funerali questo pomeriggio nella Chiesa Madre. In segno di cordoglio e partecipazione al dolore della famiglia, l'Amministrazione comunale ha disposto l'esposizione a mezz'asta delle bandiere del Palazzo municipale, oltre alla chiusura degli esercizi commerciali durante il passaggio del feretro e la sospensione del mercato settimanale. "Marta era una bambina vivace e solare - le parole del sindaco Luigi Iuppa -. A nome dell’intera comunità ringrazio la famiglia per la lezione di vita e umanità, per essere, ancora una volta, un modello per tutti noi. Il messaggio che ne traiamo è che nella sofferenza causata da un lutto atroce e ingiusto, l’egoismo non ci aiuta. Nel nome di Marta ci occuperemo di diffondere sempre più la cultura della donazione di organi per far sì che dove è stato reciso un fiore possa crescere un giardino” .

"Una bambina semplice e molto attiva nella comunità parrocchiale - dice don Santino Scileppi, il parroco di Geraci - era una bambina bellissima e bravissima, intelligente e perspicace, solare e sensibile. Attualmente, frequentava la prima media nel locale Istituto Comprensivo "21 marzo". Faceva parte dell'Acr (Azione Cattolica Ragazzi), partecipando assiduamente agli incontri proposti dagli educatori. Inoltre, faceva parte del gruppo dei ministranti, offrendo il suo servizio liturgico, insieme ai suoi compagnetti, durante la Messa domenicale del pomeriggio". 

Articolo aggiornato il 29 marzo 2021 alle ore 19,15 // Inserita dichiarazione dei medici

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento