menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gangi, duemila fedeli per l'accensione della lampada della preghiera

Durante la veglia di pentecoste, che si è svolta sul sacrato nel Santuario dello Spirito Santo, per la prima volta è stata accesa la lampada lucernale della diocesi di Cefalù

A Gangi davanti a duemila fedeli accesa la lampada della Preghiera. Durante la veglia di pentecoste, che si è svolta sabato scorso sul sacrato nel Santuario dello Spirito Santo, unico santuario in Italia dedicato alla terza figura della Trinità, per la prima volta è stata accesa la lampada lucernale della diocesi di Cefalù.

“Accendendo per la prima volta la lampada della preghiera – ha detto durante la sua omelia il vescovo Manzella - è l’inizio di questa tradizione per la nostra diocesi, questa è una solenne veglia per tutta la comunità cristiana, un incontro di preghiera in questo luogo Santo porta giubilare, assieme alla cattedrale di Cefalù e il santuario di Gibilmanna”.

Durante la Santa messa presieduta dal vescovo monsignor Vincenzo Manzella è stato conferito il lettorato ai seminaristi Paolo Cassaniti della comunità parrocchiale “Santi Pietro e Paolo” di Petralia Soprana e Gioacchino Notaro della comunità Parrocchiale “San’Agata di Montemaggiore Belsito. A fine della celebrazione liturgica, sono stati il rettore del Santuario dello Spirito Santo, don Pino Vacca e il sindaco di Gangi Giuseppe Ferrarello, accompagnati dal vescovo don Vincenzo Manzella e dai parroci della diocesi, a depositare la lampada all’interno del Santuario. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento