Il raid vandalico alla scuola Pertini, Lagalla: "Violenza impensabile e gratuita"

L'assessore all'Istruzione della Regione ha visitato l'istituto dello Sperone, saccheggiato nei giorni scorsi: "La cultura e l'istruzione possono vincere sulla barbarie". Appello della Cgil ai ladri: "Restituite ciò che avete rubato"

Foto agenzia Dire

Questa mattina l'assessore all'Istruzione della Regione, Roberto Lagalla, ha fatto visita all'Istituto Pertini, di recente preso di mira da ignoti che hanno messo in atto gravi atti vandalici. "Quella di oggi è stata una visita doverosa e soprattutto sentita a una scuola che è stata fatta oggetto di una violenza impensabile e gratuita - ha affermato Lagalla -. Insieme con le altre istituzioni e in sinergia con il Comune intendiamo operare rapidamente e abbiamo già convenuto sulle possibili modalità". Durante il sopralluogo, con la dirigente scolastica Antonella Di Bartolo, ha potuto constatare da vicino i danni provocati alla scuola: le porte divelte, i cassetti svuotati, i giocattoli distrutti. 

Il giorno dopo il raid, il Comune ha avviato i lavori di riparazione nella scuola dello Sperone e lo stesso sindaco ha effettuato un sopralluogo nella scuola con la preside.

"È nostro intendimento - ha assicurato Lagalla - ripristinare al più presto possibile questa questa scuola, per renderla ancora più bella ed efficiente e per potere affermare che la cultura e l'istruzione possono vincere sulla barbarie. Sappiamo di avere con noi i docenti, i ragazzi di questa scuola e le loro famiglie".

Scuola Pertini cgil-2Sempre oggi una delegazioe di Cgil Palermo, Flc Cgil Palermo e Flc Cgil Sicilia ha portato in dono alla scuola due computer e una stampante.  "Continueremo la nostra azione di vicinanza alla scuola e al quartiere perché il sapere è democrazia ed è salvaguardia dei diritti", hanno detto il segretario generale Cgil Palermo Enzo Campo e i segretari generali della Flc Cgil Palermo Fabio Cirino e della e Flc Cgil Sicilia Adriano Rizza. "Si è trattata di una terribile violazione a un presidio di democrazia, una sopraffazione a un simbolo di legalità nel quartiere - hanno aggiunto i sindacalisti - Aver constatato di persona la ferita provocata a tutta la comunità scolastica e la grande voglia di tutta la comunità educante e delle famiglie del quartiere di ripartire con più forza di prima, ci spinge a essere ancora più vigili e presenti come sindacato sulla strada intrapresa dalla scuola, nell'affermazione della legalità e del diritto al futuro”. 

"A nome di tutta la comunità scolastica e mio personale desidero ringraziare la Cgil per l’importante testimonianza di solidarietà e di concreta vicinanza – è la risposta di Antonella Di Bartolo - È stata peraltro un’occasione di proficuo confronto su temi e valori che orientano la nostra azione quotidiana, con una proiezione futura”.

La Cgil, a conclusione della visita, ha deciso di lanciare un appello agli autori del danneggiamento alla scuola. “I bambini, che non c'entrano nulla non possono restare danneggiati, non possono pagare le conseguenze di un gesto di violenza, che li priva della libertà. Doneremo dei giochi ai bambini della scuola per cancellare questo sfregio ed essere solidali con le loro famiglie, che credono nel lavoro prezioso svolto dalla scuola. Per ripartire più forti e  trasformare i sogni dei ragazzi in realtà. Portare via la leggerezza ai  bambini rappresenta un’ingiustizia equivalente a uno scippo, per di più dentro la scuola che, come la loro casa, dovrebbe rappresentare una sfera intima e inviolabile. Ai responsabili di questo gesto violento, chiediamo un atto di coraggio attraverso la restituzione del materiale rubato”.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • La morte di "Ago" in viale Regione Siciliana, indagata l'automobilista che lo ha investito

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Gli cancellano i voli, palermitano in Polonia reagisce a pedalate: "Tornerò a casa in bici"

  • Reddito di cittadinanza, 413 tirocini attivati dal Comune: tremila euro per sei mesi di lavoro

  • Bimbo cade dal letto e muore a soli 10 mesi, i suoi organi salvano due vite

Torna su
PalermoToday è in caricamento