rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023
Cronaca Zisa / Via Nina Siciliana, 22

Incursione dei vandali al Pio La Torre, rubati un pc e una telecamera

A meno di due settimane dagli ultimi episodi sono stati registrati altri due raid nell'istituto di via Nina Siciliana. La preside: "Finalmente abbiamo l'impianto d’allarme collegato ai cellulari, presto avremo un filo diretto con la polizia"

Alla fine la "tregua" non è durata molto, tanto che dalle ultime incursioni sono passate meno di due settimane. I vandali sono tornati a colpire all'istituto Pio La Torre di via Nina Siciliana, dove in due notti sono spariti un computer e una telecamera. "Ancora una volta - dice a PalermoToday la dirigente scolastica, Nicoletta Lipani - hanno danneggiato le vetrate. Da oggi abbiamo però l'impianto d'allarme collegato ai cellulari e quanto prima avremo un filo diretto con la polizia".

Nelle scorse settimane i vandali erano già entrati per tre notti di fila, facendo danni per migliaia di euro e portando via ciò che potevano. Dopo i furti erano intervenuti gli investigatori della polizia, insieme al personale delle Scientifica, per eseguire i rilievi e cercare di mettersi sulle tracce dei responsabili. Nel recente passato l'istituto aveva un custode che restava lì anche la notte. "E' andato in pensione - aveva spiegato la preside - e non è stato rimpiazzato dalla Provincia".

Il prossimo passo, come anticipato dalla dirigente scolastica, sarà quello di installare un sistema di videosorveglianza che possa funzionare da detererrente e che possa fornire delle immagini utili per le indagini. Un’altra scuola presa d’assalto nelle ultime settimane è la Leonardo da Vinci di via Serradifalco. Sei i rai registrati da inizio luglio ad oggi. "Si deve sapere - ha detto la preside, Giovanna Genco - che in questo mese di agosto le nostre scuole sono sotto attacco. Abbiamo paura di poter essere presi di mira ancora".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incursione dei vandali al Pio La Torre, rubati un pc e una telecamera

PalermoToday è in caricamento