Bagheria, furto sacrilego in chiesa: ladri forzano il tabernacolo e rubano il calice

E' accaduto la scorsa notte all'interno della chiesa del Santo Sepolcro. I responsabili hanno svuotato il calice gettando per terra le ostie consacrate e sono scappati. Celebrata ieri da padre Filippo una messa di riparazione per la profanazione

Il tabernacolo danneggiato dai ladri all'interno della chiesa del Santo Sepolcro

Ladri profanano un edificio sacro a Bagheria e rubano il calice dal tabernacolo, gettando per terra decine di ostie consacrate. Il furto è avvenuto nella chiesa del Santo Sepolcro, che si trova nell’omonima piazza, nella notte tra lunedì e martedì. A darne notizia è stato padre Filippo Custode con un post su Facebook, invitando la sua comunità alla messa di riparazione celebrata ieri con la pubblica supplica al Signore per la profanazione.

"Con profonda tristezza e col cuore pieno di dolore devo comunicarvi che questa notte - scrive padre Filippo - nella nostra chiesa parrocchiale, è stato compiuto, insieme al furto, un atto sacrilego: sono state buttate a terra alcune specie consacrate e altre sono state trafugate. Come cristiani avvertiamo la stessa grande tristezza del salmista nel vedere il corpo eucaristico del Signore Gesù trattato in questo modo deplorevole".

"Con dispiacere - afferma il sindaco di Bagheria Filippo Maria Tripoli - abbiamo appreso del furto e dell’oltraggio sacrilego al tabernacolo. A don Filippo Custode e all’intera comunità parrocchiale, a nome di tutta l’amministrazione, esprimiamo vicinanza e solidarietà e confidiamo nel lavoro delle forze dell’ordine alle rinnoviamo il nostro grazie per l’impegno quotidiano nel nostro territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Grida "mamma" e si accascia in cucina, morta bimba di 9 anni ad Acqua dei Corsari

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento