Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca

Riempie carrello del supermercato, poi non paga 315 euro di spesa: palermitano a processo

Un ragazzo di 25 anni nei guai insieme a un milanese: i due sono stati denunciati dopo l’intervento dei carabinieri, finendo poi davanti al giudice per il rito direttissimo che ha disposto la misura cautelare dell’obbligo di dimora. I fatti sono avvenuti a Pisa lo scorso agosto

Furto alla Coop: con questa accusa un palermitano è finito a processo a Pisa. La vicenda è stata raccontata da La Nazione. Leonardo D’Amico, 25 anni, di origini palermitane, insieme a Vincenzo Antonio Spallino, 35 anni, milanese, seconda l'accusa "fece una spesa per 315 euro senza alcuna intenzione di pagarla".

"Tutta merce alimentare e non alimentare sottratta dagli scaffali del supermercato Coop di Santa Maria a Monte - si legge su La Nazione -. Facevano finta di conoscersi i due che furono poi beccati dall’addetto della vigilanza. Obiettivo era portare via la merce con la quale era stato riempito il carrello. Ma furono, appunto, individuati anche nella loro complicità. Con l’intervento dei carabinieri – i fatti sono dello scorso agosto – i due finirono prima denunciati e poi davanti al giudice per il rito direttissimo all’esito del quale furono colpiti da misura cautelare dell’obbligo di dimora".

Per i due imputati si procederà nelle prossime settimane davanti il giudice del tribunale di Pisa, con rito abbreviato. Al palermitano e al milanese viene contestato il reato di furto aggravato per la distrezza e per aver sottratto merce esposta alla pubblica fede. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riempie carrello del supermercato, poi non paga 315 euro di spesa: palermitano a processo

PalermoToday è in caricamento