menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Carabinieri sul lungomare Cristoforo Colombo

Carabinieri sul lungomare Cristoforo Colombo

Addaura, rubano Smart davanti a una discoteca: tentano fuga ma vengono arrestati

I carabinieri hanno notato l'auto che viaggiava sul lungomare Cristoforo Colombo a fari spenti. Il ladro ha fermato il mezzo e tentato di nascondersi tra la vegetazione. Ma è stato bloccato insieme a un complice grazie anche all'intervento della polizia

Avevano rubato una Smart davanti a uno dei tanti locali che si trovano all'Addaura. Ma l'intervento contemporaneo di polizia e carabinieri ha evitato che il proprietario si trovasse davanti a un'amara sorpresa. A finire in manette sono stati Domenico Maiorana, diciottenne del Villaggio Santa Rosalia e Umberto Faija, 24enne di Bonagia.

Gli arresti sono maturati ieri sera sul lungomare Cristoforo Colombo. I carabinieri della stazione Falde sono stati attirati dal passaggio di una Smart a luci spente. I militari si sono accorti come il guidatore abbia velocemente abbandonato l’abitacolo per far perdere le sue tracce nella fitta vegetazione che costeggiava la strada.

In aiuto dei carabinieri è arrivata una pattuglia della polizia, precisamente del commissariato San Lorenz. I poliziotti, dopo avere ricevuto una dettagliata descrizione del fuggitivo, hanno spostato di alcune centinaia di metri il raggio delle loro ricerche. "La scelta - spiegano dalla Questura - si è rivelata felice poiché proprio a breve distanza il fuggitivo è stato sorpreso a fare la sua ricomparsa dalla vegetazione e tentare di raggiungere una vettura in attesa sul ciglio della strada e guidata da un complice". I due sono stati fermati e arrestati.

Addosso a Maiorana è stato ritrovato un tirapugni, mentre si è accertato come la smart fosse stata rubata nei pressi di una discoteca dove era stata parcheggiata da un avventore del locale. La vettura è già stata restituita al legittimo proprietario. In sede di “direttissima” l’arresto dei due malviventi è stato convalidato dall’autorità giudiziaria: Majorana è stato sottoposto alla misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e Faija agli arresti domiciliari, in attesa del processo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento