Cronaca

Tentano di rubare rame con una canna da pesca: due arresti a Corleone

I carabinieri della stazione di Giuliana hanno fermato due giovani mentre cercavano di tranciare i cavi di una linea elettrica nella campagna corleonese con l'insolito strumento appositamente modificato. Inutile il tentativo di fuga

La canna da pesca utilizzate per il furto di rame

Stavano andando a pesca... Di rame. Sventato l'ennesimo furto di "oro rosso" in contrada Lando-Cosenza, tra Corleone e Giuliana. I carabinieri hanno arrestato due giovani mentre tentavano di rubare dei cavi da una linea elettrica a media tensione. 

I militari della stazione di Giuliana hanno infatti notato, intorno alle 19 di ieri, un'automobile sospetta, una Lancia Y, dirigersi verso la campagna corleonese. Qui gli agenti hanno "beccato" i due ragazzi, i palermitani Antonino Alvarez e Salvatore Gnoffo, di 21 e 24 anni, con le mani nel sacco. I due malviventi stavano cercando di tranciare i cavi, con una canna da pesca modificata per l’occorrenza. 

L'intervento tempestivo dei carabinieri ha evitato il distacco dell'energia elettrica dalla zona interessata. I due ladri, però, si sono subito dati alla fuga. La loro corsa è durata ben poco, perché giunti ad un bivio sono stati fermati da un'altra pattuglia dei carabinieri, precedentemente allertata. 

Nell'automobile sono stati trovati un paio di guanti isolanti, due forbici da taglio, del nastro isolante e una canna da pesca, priva di filo e amo. I due giovani sono stati così condotti in Caserma e successivamente sottoposti alla misura cautelare dell'obbligo di dimora a Palermo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tentano di rubare rame con una canna da pesca: due arresti a Corleone

PalermoToday è in caricamento