Furto al Policlinico, parte raccolta fondi sul web: "Per ogni sciacallo, tanti siciliani che donano"

Così Domenico Bonanno, giovane siciliano ideatore dell’iniziativa "La Sicilia non dimentica i suoi angeli", che parla di "gesto ignobile" e promette "di riacquistare le attrezzature rubate"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Sono giorni difficili quelli che stiamo vivendo, ancor di più per il personale sanitario che con straordinaria dedizione e senso del dovere, tiene in piedi un sistema oggi in grave sofferenza. Medici, infermieri e tutti gli operatori, in trincea sin dal primo giorno per combattere un nemico invisibile ma pericoloso, come se non bastasse si trovano costretti a subire gesti vili e ignobili da parte di sciacalli criminali". Così Domenico Bonanno, giovane siciliano ideatore dell’iniziativa “La Sicilia non dimentica i suoi angeli. 

Ladri entrano al Policlinico e rubano di tutto

"Il furto di attrezzature ed effetti personali, avvenuto al Policlinico, ci lascia sgomenti - rimarca Bonanno -. Un gesto ignobile, non potevamo stare a guardare. Per questo abbiamo deciso di lanciare una mobilitazione sui social ed una raccolta fondi: un modo per dire grazie a quanti lottano in prima fila per tutti noi. I fondi raccolti, che doneremo all’ospedale Policlinico, serviranno per riacquistare le attrezzature rubate ma anche dispositivi ed attrezzature necessarie a fronteggiare l’emergenza corona virus. Per ogni sciacallo che ruba - conclude Bonanno - ci sono tanti siciliani che donano e vi dicono grazie".

Torna su
PalermoToday è in caricamento