menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Al Covo dei Beati Paoli - foto Tripadvisor

Al Covo dei Beati Paoli - foto Tripadvisor

Furto notturno ai "Beati Paoli": bloccati 3 giovanissimi dopo inseguimento in centro

Notte movimentata nella zona di piazza Marina. In manette - dopo il massiccio intervento della polizia - sono finiti due ragazzi, mentre un quindicenne è stato denunciato per "tentato furto aggravato in concorso"

Tentano il colpo “Al Covo dei Beati Paoli”, ma vengono sorpresi dalla polizia. In manette due giovani di 20 e 19 anni (D.C.F. ed M.A. le rispettive iniziali), mentre un quindicenne è stato denunciato per "tentato furto aggravato in concorso". E' successo la scorsa notte, intorno alle 3.30. Gli agenti dell’ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico sono entrati in azione dopo una telefonata al "113" che segnalava la presenza di 5 giovani intenti ad armeggiare su una porta finestra del noto ristorante-pizzeria "Al Covo dei Beati Paoli", in piazza Marina.

I poliziotti hanno sorpreso i ragazzi, che, accortisi dell'arrivo delle pattuglie si sono dati precipitosamente alla fuga, a piedi. Ne è scaturito un inseguimento per le vie del centro. "I giovani hanno cercato di far perdere le proprie tracce tra i vicoli attorno piazza Marina - dicono dalla questura - mentre altre pattuglie della polizia hanno cinturato l'area presidiando le possibili via di fuga. Il lavoro di squadra, effettuato tra i poliziotti a bordo delle auto di servizio e quelli appiedati, coordinati dalla centrale operativa - si è rivelato efficace. Infatti, nel giro di pochi minuti, sono stati raggiunti e bloccati tre giovani. Gli altri, rimasti ignoti, hanno fatto perdere le loro tracce nei pressi di corso Vittorio Emanuele".

I poliziotti, tornati in pizzeria, hanno constatato come i giovani, nel tentativo di entrare all’interno del locale, avessero scardinato la porta finestra. Operazione interrotta dopo l'intervento degli agenti. I due ragazzi di 19 e 20 sono stati arrestati per il reato di tentato furto aggravato in concorso e resistenza a pubblico ufficiale in att:esa del rito della “direttissima”, sono stati condotti nele rispettive abitazioni in regime di arresti domiciliari. Il 15enne, indagato in stato di libertà, è stato invece affidato ai genitori. Indagini in corso per risalire all’identità degli altri complici. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento