Mercoledì, 19 Maggio 2021
Cronaca Libertà / Via Gioacchino Ventura

La zona rossa non frena i ladri, furti in due palestre: rubati 5 computer alla Virgin Active

Ignoti sono riusciti ad accedere nella struttura di via Gioacchino Ventura portando via anche 300 euro in contanti. L'altra palestra nel mirino è la The Best di via Indro Montanelli dalla quale sono "spariti" alcuni macchinari e attrezzi per il fitness. Rubati vini pregiati alla Locanda del Gusto di corso Vittorio Emanuele

La Virgin Active di via Gioacchino Ventura

Furti nelle chiese, negli studi medici, nelle sedi istituzionali e ora anche nelle palestre. I ladri sono entrati nei giorni scorsi all’interno della Virgin Active di via Gioacchino Ventura, nel quartiere Libertà, portando via cinque computer e 300 euro in contanti che erano custoditi in un cassetto. L’impianto sportivo, finito sotto sequestro dopo un’inchiesta per alcuni presunti abusi edilizi, è temporaneamente chiuso per l’emergenza Covid-19.

L’altra palestra finita nel mirino è la The Best di via Indro Montanelli, in zona Altarello. I ladri sono riusciti ad accedere martedì scorso nella struttura e a rubare alcune panche utilizzate per gli allenamenti e un altro attrezzo. Su entrambi gli episodi indagano gli investigatori della polizia che hanno raccolto le denunce dei titolari di entrambe le attività e acquisito le immagini di alcune telecamere di videosorveglianza.

Nella notte tra il 5 e il 6, intorno all'una, un uomo è entrato a volto coperto nella Locanda del Gusto di corso Vittorio Emanuele. "Le telecamere - spiega a PalermoToday la titolare, Daniela Sclafani - hanno ripreso un uomo che per circa un'ora ha girato nel nostro ristorante ed è uscito con un saccone pieno di merce". Il bottino, ancora da quantificare, ammonta a oltre 500 euro. L'imprenditrice si è rivolta alla polizia che è intervenuta con il personale della Scientifica per eseguire i rilievi.

Un altro furto è stato registrato martedì alla Kalsa. I ladri sono entrati nella chiesa Santa Maria della Pietà, in via Torremuzza, rubando quattro candelabri, tre calici grandi e altrettanti più piccoli. Valore complessivo del bottino: 5 mila euro. Il parroco, padre Giuseppe Di Giovanni, ha sporto denuncia ai carabinieri consegnando loro le immagini riprese dal sistema di videosorveglianza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La zona rossa non frena i ladri, furti in due palestre: rubati 5 computer alla Virgin Active

PalermoToday è in caricamento