Luce a "scrocco" durante i domiciliari: un arresto a Marineo

I carabinieri si sono accorti dell'esistenza dell'allaccio abusivo alle rete elettrica durante un controllo in casa dell'uomo: è accusato di furto aggravato

Mentre era agli arresti domiciliari, a Marineo, avrebbe realizzato un allaccio abusivo alla rete elettrica per rubare la luce. Per questo, C.I., 53enne, è stato arrestato con l'accusa di furto aggravato. I carabinieri si sono accorti dell'esistenza dell'allaccio, creato in parallelo a quello esistente, durante un controllo in casa del 53enne.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’arrestato è rimasto ai domiciliari in attesa del rito direttissimo presso il Tribunale di Termini Imerese. Dopo la convalida dell’arresto l’uomo è stato rimesso in libertà in attesa del processo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, coinvolto il cantante De Martino: morto un sessantenne

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: "Un esercito di medici per contrastare il Covid"

  • Apre a Palermo l'Antica pizzeria da Michele, dopo Napoli è l'unica del Sud Italia

  • Omicidio a Camporeale, colpi di pistola in piazza: morto un ragazzo di 26 anni

  • Maestra positiva al Covid e classe d'asilo in quarantena, i genitori: "Comunicazione arrivata tardi"

  • Gli insulti, la sparatoria in piazza e la chiamata al 112: "Questa è l'arma con cui l'ho ucciso"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento