menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Magnete nel contatore e costi abbattuti del 98%: arrestato a Pioppo

I carabinieri, con l'aiuto dei tecnici Enel, hanno pizzicato un palermitano di 39 anni: per lui è scattata la condanna a 4 mesi di reclusione

Aveva sistemato un magnete sul contatore di casa per abbattere i reali consumi energetici di circa il 98%. I carabinieri di Monreale - nel corso di alcuni controlli con i tecnici Enel - hanno arrestato un palermitano di 39 anni (L.E. le sue iniziali) per "furto aggravato di energia elettrica". E' successo a Pioppo. Per l'uomo è stata disposta la citazione diretta a giudizio e dopo la convalida dell’arresto, è scattata la condanna a 4 mesi di reclusione (pena sospesa). Nei guai anche la madre, denunciata in stato di libertà per il reato di truffa,che oltre ad essere titolare del contratto di fornitura di energia, è intestataria dell’impianto di pannelli fotovoltaici che si trova nell’abitazione. Un particolare, questo, abbastanza curioso, e sicuramente inedito.

E sempre a Monreale, in via Pezzingoli, i carabinieri hanno arrestato per il reato di furto aggravato anche un uomo di 58 anni (C.G. le iniziali), che aveva realizzato un allaccio diretto alla rete elettrica pubblica per alimentare la propria abitazione. Dopo la convalida dell’arresto, è stato rimesso in libertà in attesa del processo.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento