Sciacalli in azione nell'emergenza: secondo raid al Policlinico, furto negli spogliatoi di Chirurgia

Dopo meno di 24 ore dal primo episodio, qualcuno è riuscito a raggiungere una stanza al secondo piano e a rovistare negli armadietti portando via di tutto. La rabbia di un medico: "Gente ignobile". Il giorno prima rubati cellulari, portafogli e pc nel reparto di Medicina d'urgenza

Lo spogliatoio dopo la "visita" dei ladri (foto tratta da Facebook)

Due giorni fa era toccato al reparto di Medicina d’urgenza, ieri è stata la volta della Chirurgia plastica. Secondo furto in meno di 24 ore all’ospedale Policlinico, dove qualcuno è riuscito a entrare in uno spogliatoio che si trova al secondo piano del reparto portando via pochi spiccioli ed effetti personali lasciati lì da medici e infermieri. Un secondo episodio a distanza ravvicinata che vede finire nel mirino i sanitari impegnati in un modo o nell’altro nell’emergenza Covid-19.

“Gente ignobile. Dopo che ieri hanno saccheggiato la Medicina interna - scrive un chirurgo sui social - hanno svaligiato il nostro spogliatoio in Chirurgia plastica. I più vivi complimenti perché in un momento di emergenza, in cui la gente muore perché non ci sono posti letto negli ospedali e i sanitari si ammalano perché non ci sono dispositivi di protezione individuale e mascherine, qualcuno ha trovato il tempo per venire a rubare nel nostro reparto. Dio vede e provvede. Viva la solidarietà ai tempi del Coronavirus”.

Il furto risale al tardo pomeriggio, in una fascia oraria cruciale per il cambio turno e il passaggio delle consegne. Ad accorgersi dell’accaduto sono stati alcuni infermieri e chirurghi trovando la stanza completamente a soqquadro e gli armadietti aperti. Ogni ripiano, borsone o sacchetto era stato rovistato a caccia di qualsiasi oggetto di valore e chissà, forse anche di qualche mascherina diventata oggi merce rara.

Le forze dell'ordine hanno ascoltato e raccolto la denuncia delle vittime del furto, invitandole a integrare il verbale dopo un controllo accurato per capire quali fossero gli oggetti o i documenti mancanti. Al vaglio le immagini di alcune telecamere nella speranza che possano aver ripreso elementi utili per le indagini. Pare che il servizio di portierato venga garantito dall’istituto di vigilanza privata, come da contratto, fino alle ore 18.

L'amarezza dei medici: "Gesto grave in un momento d'emergenza" | Video

Il giorno precedente i ladri si erano spinti oltre rubando portafogli ed effetti personali dallo spogliatoio della Medicina d’urgenza e alcuni computer custoditi negli ambulatori. "Lo sdegno e la delusione che abbiamo provato - dice un giovane medico del reparto - non è descrivibile. A maggior ragione in questo momento di emergenza assoluta. I responsabili devono vergognarsi profondamente per quello che hanno fatto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Incidente tra via Libertà e via Notarbartolo, medico cinquantenne muore dopo 10 giorni

  • Sembra un'ape ma non è, in estate arriva il bombo: come riconoscere questo insetto

  • Negativa a 3 tamponi, torna positiva al Covid: "Così sono ripiombata nell'incubo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento