menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via Oreto: si siede in auto per indossare la protesi, ladro ruba borsa a una donna

A raccontare l'episodio è la 56enne vittima del furto: "Avevo lo sguardo basso quando un uomo ha aperto lo sportello della mia auto". La polizia, acquisita la denuncia, ha avviato le indagini per risalire al responsabile

Si era appena fermata vicino al mercato rionale e si stava mettendo la sua gamba artificiale quando un uomo ha aperto la portiera dell'auto e le ha rubato la borsa. "Non so cosa avrei fatto se avessi preso quel bastardo", racconta a PalermoToday la vittima del furto avvenuto sabato dalle parti di via Buonriposo. "Mi ha combinato un guaio enorme. Dentro - aggiunge - c'erano un cellulare, i miei documenti personali e gli attrezzi che servono per regolare la mia protesi". La donna, una 56enne, quella stessa mattina è andata in commissariato per denunciare l'accaduto.

"Arrivavo dall'autostrada e avevo appena parcheggiato. Non mi sono accorta di nulla - racconta ancora la donna - perché avevo lo sguardo basso per mettere la protesi. Un uomo sulla quarantina, si è avvicinato, ha aperto lo sportello e mi ha preso la borsa, che era poggiata sul sedile lato passeggero. Sono scesa dall'auto, ho provato a inseguirlo per qualche metro ma poi mi sono dovuta arrendere perché è salito su una Fiat Punto di colore blu scuro, vecchio modello, e si è allontanato. La mia protesi si era allentata e non riuscivo più neanche a camminare".

Solo qualche minuto dopo un passante, leggendo la disperazione nel volto della donna, si è fermato per darle supporto. "Mi ha portato un bicchiere d'acqua e poi mi sono resa conto - aggiunge la vittima del furto - che in macchina c'era l'altro mio cellulare. Ho chiamato il 112 e poi sono andata a sporgere denuncia in commissariato. Adesso dovrò rifare tutti i duplicati, dalla carta d'identità alla documentazione che attesta la mia disabilità". Una volta raccolta la denuncia gli agenti hanno avviato le indagini per rintracciare il responsabile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento