Palermitani rubano auto a Lampedusa ma vengono incastrati dalle telecamere

Hanno 26 e 21 anni i giovani che sono stati denunciati dopo l'indagine dei carabinieri: l'accusa per loro è di furto aggravato. Un furto sui generis per l'isola dove le macchine, soprattutto se utilizzate dai turisti, non vengono neanche lontanamente sfiorate

Quella “spiaggina” – una Citroen Mehari – era scomparsa, volatilizzatasi all’improvviso, da Cala Croce. Un furto sui generis per Lampedusa dove le auto, soprattutto se utilizzate dai turisti, non vengono neanche lontanamente sfiorate. Un furto che è stato però, naturalmente, subito denunciato alla stazione dei carabinieri. E i militari dell’Arma di Lampedusa, grazie ad una rapidissima indagine, sono riusciti a dare un nome e cognome ai due ladri. Hanno 26 e 21 anni, i palermitani che sono stati denunciati, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Agrigento. L’ipotesi di reato contestata loro è di furto aggravato.

Il furto della Citroen Mehari, lasciata posteggiata a Cala Croce, è avvenuto negli scorsi giorni. Una volta acquisita la denuncia, i carabinieri della stazione di Lampedusa hanno subito passato in rassegna tutti i filmati delle telecamere di videosorveglianza presenti nella zona prima e poi, allargandosi a macchia d’olio, nel resto dell’isola.

Un’attività investigativa, meticolosa e determinato, che ha consentito appunto di arrivare all’identificazione di quei due giovani che - senza destare sospetti: senza dunque essere visti - né sentiti - si erano, all’improvviso, impossessati della “spiaggina”. Una macchina che difficilmente, senza la necessaria documentazione, avrebbe potuto lasciare l’isola. Una macchina – tipica anche delle vacanze estive a Lampedusa – che ha fatto finire nei guai i due giovanissimi palermitani. Adesso, il ventunenne e il ventiseienne, residenti a Palermo, dovranno difendersi dall’accusa di furto aggravato. Non è la prima volta, né probabilmente sarà l’ultima, che le immagini dei sistemi di videosorveglianza dislocati sull’isola di Lampedusa tornano utili ai carabinieri della stazione. Già qualche mese fa, grazie a dei filmati, riuscirono ad identificare una turista che aveva rubato un orologio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fonte: AgrigentoNotizie

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Stretta anti covid, ecco l'ordinanza: mascherine all'aperto, divieto di stazionare in strada

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento