Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca Zen

Centri commerciali ancora nel mirino Cinque donne arrestate per furti

Due romene sono state bloccate al Conca d'Oro perché avevano rubato vestiti per 600 euro. Al Forum beccate due ragazze mentre cercavano di portar via degli stivali. Da Zara inseguita e fermata una 25enne

Ancora i centri commerciali nel mirino dei ladri. Cinque donne sono state arrestate per una serie di furti. I carabinieri di san Filippo Neri hanno bloccato A.B., 24 anni, ed E.S., 22 anni, entrambe romene e senza fissa dimora. Erano entrate in azione al "Conca d'Oro", rubando vestiti per 600 euro nei negozi "Promod" e "Oviesse kids". Dopo la convalida degli arresti le due hanno patteggiato e sono state condannate a 6 mesi e 20 giorni ed al pagamento della multa di 300 euro con pena sospesa e rimesse in libertà.

Il secondo furto è stato tentato ai danni del negozio "Scarpe & Scarpe" nel centro commerciale "Forum" ed in questo caso sono intervenuti i carabinieri della stazione di Acqua dei Corsari che hanno fermato due ragazze 19enni, accusate di furto aggravato, in possesso di due paia di stivali per una valore di circa 200 euro. Le ragazze giunte alle barriere antitaccheggio stavano uscendo quando è scattato l'allarme. Dopo la convalida degli arresti sono state rimesse in libertà in attesa del processo.

Nell'ultimo caso, sono intervenuti i carabinieri del nucleo operativo di Piazza Verdi che hanno fermato una 25enne, bloccata da un militare libero dal servizio mentre scappava del negozio "Zara" di via Ruggero Settimo con abbigliamento per circa 200 euro. Arrestata con l'accusa di furto aggravato è stata giudicata con il rito direttissimo al termine del quale, dopo la convalida, è stata condannata a quattro mesi e al pagamento della multa di 120, pena sospesa. Nel week end tra il 10 e l’11 novembre erano stati arrestati dai carabinieri altri 6 taccheggiatori.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centri commerciali ancora nel mirino Cinque donne arrestate per furti

PalermoToday è in caricamento