Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

Ladra col pancione in corso Calatafimi: arrestata una giovane nomade

Aveva appena rubato, con l'aiuto di un ragazzino, alcuni monili in oro dopo un blitz in un'abitazione di via Giuseppe Arcoleo. Pluripregiudicata dalle mille identità, in caserma ha dichiarato di essere incinta. La refurtiva è stata riconsegnata al proprietario

L'hanno sorpresa sul più bello, a colpo ormai finito e "confezionato". Arrestata una nomade che aveva appena rubato alcuni monili in oro da un’abitazione di via Giuseppe Arcoleo, nei pressi di corso Calatafimi. La pattuglia delle “gazzelle” dei carabinieri del Nucleo Radiomobile, nel corso di un servizio di controllo del territorio, ha individuato R.S., una ragazza di 19 anni nata a Chiari (in provincia di Brescia) che  tentava di disfarsi di un pacchetto di sigarette in una siepe nella vicina via Michele Titone. Insospettiti, i carabinieri hanno proceduto alla perquisizione della ragazza, nullafacente, pluripregiudicata.

Nascondeva diversi monili in oro e in un pacchetto di sigarette sono stati trovati 70 euro, arraffati nell'irruzione. La ragazza è stata arrestata, con lei c'era anche un minore, N. A., 14 anni, nato a Bologna, anche lui nomade, pregiudicato: entrambi domiciliati nel campo nomadi di viale Del Fante.

I due abili ladri, sono ritenuti responsabili del reato di furto aggravato in concorso. A seguito delle perquisizioni personali, addosso alla giovane donna, nella tasca dei pantaloni, sono stati rinvenuti e posto sotto sequestro altri oggetti in oro, tra i quali una fede nuziale, tre paia di orecchini ed un anello.
La refurtiva interamente recuperata è stata restituita al legittimo proprietario, dopo averla riconosciuta e presentato regolare denuncia di furto.

L’interessata, vanta un curriculum di tutto rispetto, ed ogni qualvolta è stata fermata dalle forze dell’ordine, ha fornito diverse generalità: “Kristina”, “Sabrina”, “Stella”, “Critina”, “Lucia”, “Zora”, “Silvia” e per finire “Vera”. La donna, tratta in arresto con l’accusa di furto aggravato in concorso ed evasione, in caserma ai carabinieri ha dichiarato di essere in stato di gravidanza. La stessa dopo essere stata refertata dai sanitari, nella stessa giornata di ieri è stata sottoposta a rito direttissimo, conclusosi con la convalida dell’arresto, ed è stata portata al “Pagliarelli”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ladra col pancione in corso Calatafimi: arrestata una giovane nomade

PalermoToday è in caricamento