Venerdì, 23 Luglio 2021
Cronaca

Volevano assaltare i villini di Carini, sgominata banda: 11 arresti

Nel mirino le abitazioni vicino al centro commerciale Poseidon. Le lunghe indagini partite dopo l'agguato ai danni di una spacciatrice palermitana. Il caso dell'imprenditore di Partinico scampato a un incendio

Il presunto capo della banda Salvatore Regina, 58 anni

Stavano pianificando numerosi furti nei villini di Carini. Una banda criminale impegnata in estorsioni, incendi e danneggiamenti su commissione (anche a un finanziere in pensione), e coltivazione di droga, è stata sgominata dalla polizia di Alcamo. In tutto stamattina sono scattati undici provvedimenti cautelari. Il capo della banda, Salvatore Regina, fratello di due pregiudicati attualmente in carcere per mafia, Stefano e Giorgio, avrebbe messo in atto i suoi piani anche grazie ad alcuni cittadini rumeni, pure loro colpiti da misura cautelare. Una banda che affondava le radici nel Trapanese ma che aveva preso di mira anche il Palermitano.

Tra gli episodi contestati è stata documentata anche l’organizzazione di diversi assalti nei villini di Carini, vicino al centro commerciale Poseidon. Furti che sono stati evitati grazie alle intercettazioni. Il bilancio finale è di 4 persone in carcere, 5 agli arresti domiciliari, due sottoposte all'obbligo di dimora e cinque raggiunte da un avviso di garanzia.

"L'operazione di oggi - dicono dalla polizia - rappresenta la sintesi di una indagine di polizia giudiziaria iniziata nel settembre 2016 a seguito di incendio consumato ad Alcamo ai danni di una spacciatrice di droga palermitana. Le risultanze investigative hanno evidenziato l’esistenza di un gruppo operante nel traffico di marijuana e cocaina".

E' emerso anche il tentato incendio di una scuderia di cavalli riconducibili all’imprenditore partinicese Giuseppe Speciale, socio peraltro del noto agriturismo “Baglio Rakali”. Incendio scongiurato grazie all’intervento degli agenti del commissariato di Alcamo che hanno bloccato i malvivente mentre si trovavano a bordo di un furgone rubato carico di benzina e vecchi pneumatici, nella strada che porta a Partinico.

Nell'operazione di oggi risultano anche indagati anche un palermitano di 58 anni e una palermitana di 44. Si tratta di Mario Finocchio e Daniela Giardina. Tutti e due sono stati raggiunti da un avviso di garanzia e sottoposti a perquisizione. Entrambi rimangono comunque in stato di libertà.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volevano assaltare i villini di Carini, sgominata banda: 11 arresti

PalermoToday è in caricamento