menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Doppio raid al Policlinico, sale l'allarme dei lavoratori: "I controlli vanno rafforzati"

A chiederlo è Giovanni Madonia Ferraro, coordinatore provinciale Snals-Confsal, che parla di "situazione insostenibile per utenti e personale". L'ospedale come "territorio privilegiato delle incursioni di ladri e malintenzionati ormai da molti anni, adesso s'intervenga"

"Rafforzare i controlli di sicurezza al Policlinico per tutelare il personale sanitario e i degenti". A chiederlo è Giovanni Madonia Ferraro, coordinatore provinciale Snals-Confsal, con una nota inviata al prefetto, al commissario nazionale per l'emergenza Covid-19, all'assessore regionale alla Salute, al rettore dell’Università e al direttore sanitario dell'ospedale.

I due raid messi a segno in poche ore fanno salire l'allarme tra i lavoratori. E così sui "recenti atti di spregevole sciacallaggio" interviene il sindacato Snals-Confsal: "L’ultimo increscioso avvenimento è l'episodio, a distanza di meno di 24 ore da un altro di stessa natura, accaduto nello spogliatoio degli operatori al secondo piano del reparto di Chirurgia Plastica, con furto di computer, denaro ed effetti personali di medici ed infermieri. Soltanto ieri degli ignoti erano riusciti nella stessa azione, portando via oltre soldi ed oggetti personali altresì dei computer in un reparto di prima linea nella gestione dell’attuale gravissima situazione di diffusione del Covid-19, come quello della medicina d’urgenza".

"La situazione è divenuta insostenibile per gli utenti e per il personale, che non opera in tranquillità in un momento di piena emergenza pandemica. Una situazione di pericolosità che questi ultimi due episodi non fanno altro che confermare" sottolinea Giovanni Madonia Ferraro, che parla del Policlinico come "territorio privilegiato delle incursioni di ladri e malintenzionati che costantemente, da molti anni ormai, saccheggiano i nostri ambienti".

"Una tale condizione di rischio e insicurezza non può essere consentita in tempi normali - prosegue - figuriamoci in frangente così complesso, e delicato, per tutta la cittadinanza e per gli operatori sanitari in particolare. E' di assoluta urgenza la necessità di rafforzare i controlli dedicati alla sicurezza degli utenti e del personale che vivono il Policlinico e garantirne la dovuta serenità per una giusta concentrazione sulle reali emergenze. Non è più rinviabile infine - conclude il coordinatore provinciale Snals-Confsal - un controllo accurato degli accessi con elementi identificativi certi, in linea con il dettato normativo più recente in merito".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento