Furti di gasolio e corruzione a Bellolampo, la Rap licenzia otto operai e un funzionario

Lo ha deliberato il Cda dopo i procedimenti disciplinari a carico di impiegati coinvolti in diverse inchieste giudiziarie. Via anche il funzionario Vincenzo Bonanno, che avrebbe intascato una mazzetta. Norata: "Danno per l'azienda, questi soggetti vanno buttati fuori"

La Rap licenzia 9 dipendenti, tra cui anche il funzionario Vincenzo Bonanno, coordinatore di gestione della discarica di Bellolampo, che avrebbe intascato una tangente da 5 mila euro. Lo ha deliberato il Cda dell'ex municipalizzata dopo i procedimenti disciplinari avviati dopo i furti di gasolio scoperti nella discarica dai carabinieri e anche la vicenda della presunta tangente. "Atti criminali, nonché corruttivi" si legge in una nota dell'azienda, che parla di "gravissimo danno materiale e d'immagine per Rap e la maggioranza dei suoi dipendenti".

Oltre a Bonanno, sono stati mandati via otto dipendenti coinvolti nell'inchiesta "Beautiful flash", messa a segno il 29 giugno scorso. Si tratta di Giovanni Ammirata, Alessandro Milazzo, Benedetto Scariano, Rosario Di Maggio, Francesco Lo Cicero, Ciro Aurelio, Fausto Mangano e Giuseppe Cocuzza. I licenziamenti sono stati deliberati a norma del vigente contratto collettivo di lavoro Utilitalia, articolo 68, il cui effetto decorre dalla data di avvio del procedimento disciplinare.  Allo stato, però, nessuno dei lavoratori è stato neppure rinviato a giudizio.

"La Rap ed il socio unico Comune - dichiarano il presidente Giuseppe Norata e il direttore generale Roberto Li Causi - non intendono in alcun modo tollerare atti e comportamenti che possano compromettere l'immagine dell'azienda e dei suoi lavoratori. E' in corso un processo di moralizzazione che investe l'azienda tutta e che comprende anche un rafforzamento delle procedure di controllo e denuncia di qualsivoglia anomalia, quindi nessuno sconto a chi getta ombre e delinque. Questi sparuti individui devono essere perseguiti e buttati fuori, non solo per il danno economico che recano all’azienda ma a garanzia di tutti i lavoratori onesti (e sono la grande maggioranza) impegnati per garantire che Palermo abbia un servizio pubblico efficiente".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per il sindaco Leoluca Orlando, "non solo il licenziamento è un atto giusto, ma a questo si aggiungerà, come già in passato, la costituzione di Parte civile dell'amministrazione nei procedimenti contro chiunque si è macchiato di reati che danneggiano i servizi e l'immagine della città ed offendono le centinaia di lavoratori che sono ogni giorno impegnati a garantire servizi anche a volte in condizioni operative difficili".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: scatta il coprifuoco dalle 23

  • Ordinanza di Orlando, divieti non solo in centro: "Ecco le strade dove non ci si potrà fermare"

  • Regione, nuova stretta anti Covid: locali chiusi alle 23, dad nei licei e trasporti dimezzati

  • Le mosse anti Covid di Orlando: nessun coprifuoco ma divieto di sostare in strada

  • Maestra positiva al Covid e classe d'asilo in quarantena, i genitori: "Comunicazione arrivata tardi"

  • Ditta privata danneggia conduttura, mezza città senz'acqua

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento