Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca

"Terrorizzarono 5 città con rapine e furti": 4 condannati, palermitano assolto

Nunzio Compagnone, 38 anni, era accusato di avere fatto parte di una banda che aveva messo a segno furti e rapine nella zona di Palma di Montechiaro e in diversi altri centri della provincia di Agrigento

Era accusato di avere fatto parte di una banda che aveva messo a segno furti e rapine nella zona di Palma di Montechiaro ma anche in diversi altri centri della provincia e, in particolare, a Licata, San Biagio Platani, Montallegro, Siculiana e Agrigento. Adesso sono scattate quattro condanne. La sentenza del processo a carico dei componenti della banda che avrebbe razziato ville, appartamenti e persino chiese è stata emessa ieri attorno alle 14. Il giudice dell'udienza preliminare Stefano Zammuto, in tutto, ha deciso quattro condanne e un'assoluzione, quella cioè dell'unico palermitano coinvolto nell'inchiesta, Nunzio Compagnone, 38 anni.

La pena più alta - 5 anni e 8 mesi di reclusione - è stata inflitta a Franco Lo Manto, 45 anni; 5 anni e 6 mesi a Ignazio Rallo, 37 anni; tre anni e due mesi ciascuno a Roberto Onolfo e Francesco Orlando, entrambi di 26 anni (tutti palmesi)

Il pubblico ministero Elenia Manno, al termine della requisitoria, aveva chiesto la condanna di tutti. La pena più alta – 5 anni e 4 mesi di reclusione – era stata proposta per Rallo, 4 anni e 4 mesi per Lo Manto, 3 anni e 4 mesi per Onolfo e Orlando e un anno e otto mesi per Compagnone. Le condanne decise dal giudice sono ridotte di un terzo per effetto del giudizio abbreviato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Terrorizzarono 5 città con rapine e furti": 4 condannati, palermitano assolto

PalermoToday è in caricamento