menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I funerali di Giuseppe Lo Iacono, a Cinisi - foto Piero Longo

I funerali di Giuseppe Lo Iacono, a Cinisi - foto Piero Longo

Cinisi si commuove ai funerali di Giuseppe: ricerche in mare per trovare i due dispersi

La vicenda del peschereccio sparito da lunedì: oggi la cerimonia funebre del 35enne, il cui corpo è stato recuperato nelle scorse ore da una motovedetta della guardia costiera. Proseguono le perlustrazioni tra Ustica e San Vito, impegnati anche i mezzi aerei

Passano le ore e le speranze di trovare gli altri due membri dell’equipaggio del peschereccio Nuova Iside sembrano affievolirsi, ma le ricerche di Matteo (53) e del figlio Vito Lo Iacono (27) proseguono senza sosta. Sono stati celebrati oggi pomeriggio, nella chiesa madre di Cinisi, i funerali del 35enne Giuseppe Lo Iacono. Il suo corpo è stato recuperato ieri da una motovedetta della guardia costiera e portato al porticciolo dove ad attenderlo c’erano i suoi familiari, il magistrato di turno, il medico legale e numerosi concittadini. L’uomo lascia la moglie e i quattro figli.

A celebrare la cerimonia funebre è stato l’arciprete don Antonio Ortoleva. I sindaci di Terrasini e Cinisi, Giosuè Maniaci e Giangiacomo Palazzolo, hanno proclamato il lutto cittadino per la triste notizia che ha travolto le famiglie dei pescatori ma anche le comunità dei piccoli centri abitati che si affacciano sul Tirreno. Lo stesso mare in cui ha trovato la morte Giuseppe, uscito per una battuta di pesca con Matteo e Vito, tutt’ora ricercati dalla guardia costiera, dall’aeronautica militare e dagli altri pescatori che tengono ormeggiate le loro barche.

I tre membri dell’equipaggio erano usciti lunedì scorso a bordo dell’imbarcazione Nuova Iside. Con loro anche altri pescatori che però, come riferito dal sindaco Maniaci, sarebbero rimasti sotto costa. I Lo Iacono invece si sarebbero spinti un po’ oltre per gettare in acqua il loro palangaro a caccia di spada e altri pesci. Non vedendoli rientrare all’orario prestabilito, i familiari hanno lanciato l’allarme dando il via all’operazione di soccorso in mare per i tre dispersi. Le ricerche fino ad ora hanno consentito di recuperare solamente il cadavere del 35enne trovato nella zona di Ustica.

Le condizioni meteo sarebbero in miglioramento e dunque sino alla tarda serata di oggi le due motovedette e l’elicottero della guardia costiera, un mezzo dell’Aeronautica militare, i mercantili e gli altri pescherecci privati continueranno a perlustrare il mare tra Ustica e San Vito Lo Capo (Trapani), allargando il raggio di ricerca rispetto all’ultimo punto in cui è stato registrato l’ultimo segnale utile di Nuova Iside. Anche la Stazione radio della di Palermo ha effettuato diverse chiamate di sicurezza senza però ricevere alcun riscontro.

Immagine allegata Twitter @DeskAeronautico

Tweet: "Continuano le operazioni di ricerca e soccorso a nord di Palermo. È richiesto di evitare l'area a tutto il traffico non partecipante"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento