Cronaca Sperone / Corso dei Mille

Si piange un’altra vittima del lavoro, l’ultimo saluto a Di Trapani

In tanti hanno partecipato ai funerali dell’operaio morto a causa delle ustioni mentre lavorava al cantiere Adorno, nell'area del porto. Prima di essere tumulato, il feretro è stato portato davanti ai cancelli dei Cantieri navali. I sindacati parte civile al processo

In tanti, tra amici e familiari, si sono stretti attorno alla moglie e ai fratelli di Alessandro Di Trapani, l'operaio quarantunenne della Tesim che ha perso la vita a causa delle ustioni mentre lavorava nella stiva di un cargo al cantiere Adorno, nell'area del porto. L’incendio è divampato martedì scorso, poi sabato la morte  causa delle gravi ferite.

A celebrare il rito funebre, il parroco Enrico Campino, della chiesa Santissimo Salvatore di Corso dei Mille. "Bisogna trovare la pace nel Vangelo - ha detto - Alessandro continua a vivere ancora. Adesso bisogna stringersi attorno alla famiglia e sostenere la moglie e la piccola figlia".

“Ogni funerale celebrato per un incidente sul lavoro rappresenta la sconfitta di tutti”. Lo ha detto l’assessore alle Attività Produttive, Giovanna Marano, che oggi ha partecipato alle esequie. “Questa nuova tragedia – continua Marano – doveva essere evitata ed ecco che non smetteremo mai di richiamare fortemente l’attenzione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro indispensabile per il rispetto della legalità e della giustizia”.

“Rinnovo la mia vicinanza alla famiglia di Alessandro Di Trapani – ha detto il sindaco Leoluca Orlando, rientrato in città nella tarda mattinata da impegni istituzionali all’estero – e sosterrò ogni iniziativa utile perché sia fatta verità e giustizia per questa terribile tragedia”.

I familiari, prima del seppellimento nel cimitero di Monreale, hanno trasportato il feretro davanti ai cancelli dei Cantieri navali. I sindacati hanno confermato che si costituiranno parte civile nel processo sulla morte dell'operaio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si piange un’altra vittima del lavoro, l’ultimo saluto a Di Trapani

PalermoToday è in caricamento