menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La nave quarantena Allegra

La nave quarantena Allegra

Nave Allegra, si tuffano in mare e tentano la fuga: recuperati due migranti

Il tuffo in acqua nel tentativo di abbandonare l'imbarcazione della Gnv adibita alla quarantena non è passato inosservato. Soccorsi dalle motovedette, i due migranti sono stati riportati a bordo. Nessuna conferma su un terzo fuggitivo

Volevano forse fuggire e abbandonare definitivamente la nave sulla quale si trovano per la quarantena, approfittando del buio per gettarsi in mare. Due migranti la scorsa notte hanno cercato di scappare dalla Allegra, la nave della Gnv ormeggiata in rada davanti alla costa palermitana e utilizzata dagli inizi di settembre per accogliere oltre 300 persone salvate in più nel Mediterraneo. I due fuggiti dall’imbarcazione sono stati recuperati e riportati a bordo.

Stando a una prima ricostruzione sarebbe accaduto tutto tra le 4 e le 5. I due avrebbero atteso il momento migliore per lanciarsi in acqua, nella speranza che nessuno li vedesse. Il loro tuffo invece non è passato inosservato, sia per il personale in servizio sulla nave sia per le forze dell’ordine che sorvegliano via mare la Allegra. Poco dopo i migranti sono stati soccorsi dalle motovedette e accompagnati nuovamente sull’imbarcazione della Gnv.

In un primo momento, secondo alcune indiscrezioni, si era appreso che i migranti fuggiti fossero tre ma la notizia non ha trovato alcun riscontro ufficiale. Si trovava a bordo della Allegra anche l’ivoriano di 15 anni morto oggi all’Ingrassia. Il giovane, sbarcato nei giorni scorsi dopo due settimane di quarantena, sabato scorso è entrato in coma ma le sue condizioni sono precipitate in poco tempo. I due tamponi per il Coronavirus ai quali era stato sottoposto prima del ricovero hanno dato esito negativo. A stabilire le cause del decesso sarà un’autopsia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento