"L'abusivismo non c'entra con lo smottamento di una strada di Altofonte", quattro assolti

Al centro del processo il crollo dell'intercomunale 18, che collega il comune con quello di Piana degli Albanesi, avvenuto nel 2013. Scagionati anche due cantonieri accusati di non aver vigilato sulle condizioni dell'arteria

Lo smottamento della strada intercomunale 18 ad Altofonte

La Procura ipotizzava che a determinare lo smottamento della strada intercomunale 18, che collega Piana degli Albanesi con Altofonte, fossero state alcune opere abusive realizzate nella zona ed anche l'assenza di controlli e manutenzione da parte di due cantonieri. Il tribunale ha però deciso di assolvere quattro imputati, che erano finiti al centro di un'inchiesta dei carabinieri di febbraio del 2015.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo smottamento, che aveva fatto crollare un tratto della strada che, attraverso la statale 624, collega poi tutta la zona montana a Palermo, era avvenuto a marzo del 2013. L'arteria, molto utilizzata dai pendolari, era stata poi chiusa al traffico. Dopo un'indagine durata un anno e mezzo, erano stati iscritti nel registro degli indagati un palermitano di 79 anni, che avrebbe realizzato un immobile abusivo a valle della strada e che avrebbe deformato i canali di scolo delle acque piovane, un altofontino di 48 anni, che avrebbe scaricato le acque reflue di un pozzo costruito abusivamente su un terreno a monte della strada e nei canali di scolo, un ex capo cantoniere e un cantoniere incaricati della manutenzione e della vigilanza della strada. Tutti però sono stati adesso scagionati dai giudici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento