Cronaca

Dalla Regione 10 milioni per le scuole paritarie e gli enti di formazione professionale

I fondi serviranno per una serie di interventi, necessari anche a rendere più agevole il rispetto delle misure di sicurezza per contrastare la pandemia. Potranno essere usati per interventi edilizi, ma pure per l'acquisto di presidi medico-sanitati, di tablet e pc. Lagalla: "Un aiuto che servirà anche a tutelare la salute degli studenti"

Le misure anti Covid nelle scuole (Foto Ansa)

La Regione Siciliana stanzia oltre 8 milioni per le scuole paritarie e 2 milioni per gli enti di formazione professionale: i fondi serviranno per interventi di edilizia leggera, per l'acquisto di presidi medico-sanitari e per l'implementazione della dotazione tecnologica per favorire una maggiore connettività, in attuazione di quanto previsto dalla legge di Stabilità.

Le scuole paritarie potranno usufruire di 5 milioni e mezzo messi a disposizione dal governo Musumeci per il recupero delle spese sostenute durante l'emergenza sanitaria e delle minori entrate derivanti da mancato o ridotto pagamento delle rette scolastiche. Nello specifico, 4 milioni sono destinati agli istituti superiori di primo e secondo grado, sino al terzo anno, e un milione e mezzo al ciclo 3-6 anni.

Sempre per le scuole paritarie, sono stati stanziati 850 mila euro per promuovere l'acquisto di attrezzature e programmi informatici, come tablet, pc, software, per realizzare piattaforme di e-learning e strumenti per il traffico dati, in modo da garantire la connettività delle scuole e da rendere più efficiente la didattica digitale.

Un altro intervento riguarda, invece, le opere di edilizia leggera: 2 milioni alle scuole paritarie di ogni ordine e grado e altri 2 milioni agli enti di formazione professionale, nonché circa 88 mila euro alle istituzioni di Alta formazione artistica e musicale (Afam). Questi fondi serviranno ad avviare piccoli interventi per la riqualificazione degli ambienti destinati alla didattica, a garanzia della sicurezza individuale e del mantenimento del distanziamento interpersonale. Sarà inoltre possibile acquistare arredi e forniture, dispositivi di protezione individuale e prevedere il ritiro e la dismissione di arredi in disuso.

"Dopo gli aiuti finanziari erogati in favore delle scuole statali, utili a fronteggiare l'emergenza sanitaria – spiega l’assessore regionale all'Istruzione e alla formazione professionale, Roberto Lagalla – la Regione Siciliana stanzia adesso i fondi rivolti alle scuole paritarie, agli Afam a gestione privata e agli enti di formazione. In vista dell'imminente ripresa delle attività didattiche e della necessità di far fronte ai maggiori adempimenti per il contenimento della diffusione del virus, le somme messe a disposizione contribuiranno a garantire un avvio d'anno scolastico in condizioni di adeguata sicurezza. Potranno essere avviati interventi di edilizia leggera, così come sarà possibile acquistare nuovi arredi e dispositivi di sicurezza individuali, e poi tablet, pacchetti per il traffico dati, software, per valorizzare i processi di digitalizzazione nelle scuole".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla Regione 10 milioni per le scuole paritarie e gli enti di formazione professionale

PalermoToday è in caricamento