rotate-mobile
Cronaca Oreto-Stazione

Bruciano fili elettrici in riva all'Oreto per ricavare rame: in due finiscono ai domiciliari

A.D. 38enne e L.F. 50enne - in attesa di giudizio - devono rispondere del reato di combustione illecita di rifiuti e ricettazione. Gli agenti del commissariato Brancaccio li hanno scovati dopo aver localizzato la colonna di fumo sprigionata dal rogo. Vani i tentativi di fuga

Bruciano fili elettrici in riva al fiume Oreto per ricavare rame, ma la polizia li scova e li arresta in flagranza di reato. Due palermitani del quartiere Oreto - A.D. 38enne e L.F. 50enne - in attesa di giudizio, sono finiti così ai domiciliari: devono rispondere del reato di combustione illecita di rifiuti e ricettazione.

I poliziotti del commisariato Brancaccio, intorno alle 21,30 di ieri, attirati da un densa colonna di fumo nero che si alzava all’altezza della foce del fiume Oreto e da un odore acre di materiale plastico bruciato, hanno raggiunto il luogo del rogo attraverso una strada sterrata. A nulla è servita la fuga dei ladri di rame: gli agenti, infatti, li hanno scovati nascosti tra la fitta vegetazione e li hanno bloccati.

Dopodiché si sono attivati per spegnere l’incendio, evitando così che questo potesse espandersi vista la presenza di altri rifiuti presenti poco lontano. I due uomini avrebbero riferito agli agenti di avere raccolto le matasse di fili elettrici in rame nel corso delle ultime settimane e di essere giunti in riva al fiume Oreto per bruciarli, allo scopo di eliminare la plastica e ottenere il rame da rivendere.   in attesa di giudizio, sono stati condotti presso le rispettive abitazioni in regime di arresti domiciliari.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bruciano fili elettrici in riva all'Oreto per ricavare rame: in due finiscono ai domiciliari

PalermoToday è in caricamento