"Finta consulenza per prendersi i soldi", sospeso funzionario della Procura di Termini

Secondo l'accusa, Giuseppe Pellitteri avrebbe falsificato degli atti e persino la firma di un pm per poi spartirsi la liquidazione con il professionista incaricato, un commercialista di Bagheria. Sequestrati circa 10 mila euro

L'ingresso del palazzo di giustizia di Termini Imerese

Una consulenza inventata di sana pianta, con tanto di firma falsa persino del pubblico ministero, per spartirsi poi con il professionista incaricato - un commercialista bagherese - una decina di migliaia di euro. Per Giuseppe Pellitteri, direttore amministrativo in servizio all'ufficio spese di giustizia della Procura di Termini Imerese, è scattata adesso un'interdittiva - la sospensione dal servizio per un anno - con le accuse di corruzione, concorso in truffa aggaravata e falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici. Indagato anche il commercialista, al quale sarebbe stata affidata la finta consulenza. Per entrambi il gip di Termini, Angela Lo Piparo, ha inoltre disposto il sequestro della somma che sarebbe stata sottratta indebitamente allo Stato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'episodio al centro dell'inchiesta della polizia, coordinata dal procuratore Ambrogio Cartosio, sarebbe avvenuto nel 2017. Ma Pellitteri non sarebbe nuovo a questo tipo di comportamento: già in passato, infatti, gli era stata applicata un'altra interdettiva (sempre la sospensione dal servizio) perché avrebbe falsificato dei documenti necessari per poter liquidare le somme relative ad altre consulenze tecniche eseguite dalla stessa Procura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Musumeci: "Mascherine obbligatorie anche all'esterno senza la distanza di un metro"

  • Capo in lutto per la morte di Irene, giovane mamma: "Non ti dimenticheremo mai"

  • Il Covid e la paura di un nuovo lockdown, Miccichè: "Sarebbe morte Sicilia"

  • Incidente in viale Lazio, con la Vespa si scontra con un’auto: morto 15enne

  • In Sicilia nuova ordinanza anti Covid: ingressi limitati nei locali, più controlli e stretta sui migranti

  • Coronavirus, in Sicilia accertati altri 29 nuovi positivi: tre a Palermo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento