rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Cronaca

Una Fiera per due: guerra di marchi e scontro tra ex soci, l'evento si sdoppierà tra aprile e maggio

Per la prima volta ci saranno due manifestazioni. Lo storico organizzatore ha anticipato di un mese rispetto alla data tradizionale, ma il suo ex compagno d'affari replicherà l'iniziativa 20 giorni più tardi. I due a PalermoToday spiegano come sono andate le cose. Sullo sfondo c'è il Comune che ha concesso gli spazi a entrambi

Una fiera per due. Per la prima volta nella storia ci saranno due fiere campionarie del Mediterraneo. Da una parte lo storico organizzatore dell'evento - Massimiliano Mazzara - che anticipa la data rispetto a quelle tradizionali di maggio perché "in quel mese fa troppo caldo, meglio farla ad aprile". Dall'altra il suo ex socio che invece replica l'evento proprio a maggio, nei padiglioni di via Sadat (che per tre anni sono stati trasformati in hub vaccinale) bissando a soli 20 giorni di distanza uno degli appuntamenti più iconici di Palermo e dice: "Sono le date storiche, è questa la vera fiera campionaria". Sullo sfondo c'è il Comune che va verso la doppia concessione degli spazi e fa sapere che il bando andrà ridiscusso in vista del prossimo anno, nel quale potrebbero cambiare i criteri di assegnazione.

La prima Fiera campionaria, "unica e inimitabile" è ad aprile 

Quindi ricapitolando. Dal 22 aprile al 7 maggio ecco la "prima" Fiera campionaria del Mediterraneo. "Unica e inimitabile" recita la locandina. A organizzarla è Massimiliano Mazzara, amministratore unico di Mediexpo ma anche di Medifiere, la società nata nel '98 (con sede legale a Trapani) e che da allora organizza fiere, mostre, esposizioni e congressi a Palermo, ma non solo. E' proprio la Medifiere, dopo lo scioglimento dell'Ente Fiera, ad aver organizzato storicamente la Campionaria. Dal 2015 (e fino al 2019, ultimo anno in cui si è svolto l'evento prima della pandemia) Mazzara fa rivivere all'interno dei padiglioni lo storico appuntamento cittadino. 

La fiera campionaria del Mediterraneo

L'altra Fiera a maggio, nelle date storiche dell'evento 

Appena 20 giorni dopo, dal 27 maggio all'11 giugno, riecco l'altra Fiera, la seconda, promossa attraverso una locandina che la definisce come "La 69esima Campionaria di Palermo". Stavolta cambia il nome, non "del Mediterraneo" ma "di Palermo". A organizzarla è la CL20, società che ha sottoscritto un'Ati - associazione temporanea di impresa - con La Siciliana, azienda intestata a Leonardo Peduzzi, l'ex compagno d'affari di Mazzara. Storico socio di capitale della Medifiere, insieme a Giuseppe Mazzara e a Massimiliano Mazzara (che è appunto anche l'amministratore unico della società), Peduzzi è stato uno degli investitori dell'azienda che tuttavia, ad oggi, non ha presentato al Comune (come fatto invece negli anni passati) alcun bando per la realizzazione dell'evento. Quantomeno sotto questo nome. 

La fiera campionaria di Palermo

La guerra dei marchi 

E' Mazzara, con la sua storica società Medifiere, ad acquistare i loghi: quello della Fiera campionaria del Mediterraneo e quello della Fiera del Mediterraneo, entrambi registrati all'ufficio italiano brevetti e marchi. Il secondo logo, in particolar modo, risultava inutilizzato dal lontano 2008 (data in cui si svolse l'ultimo evento fieristico organizzato dall'ente regionale Fiera del Mediterraneo, successivamente posto in liquidazione). Oggi, che torna in campo con una nuova società, risulta essere l'unico licenziatario del logo. Attraverso un contratto di licenza tra le due aziende (la storica Medifiere, che si trova in uno stato di inerzia operativa, e la neo Mediexpo, entrambe rappresentate legalmente proprio da Mazzara) viene concesso a titolo gratuito all'organizzazione di aprile il diritto di esclusiva all'uso del marchio. 

 Logo della Fiera campionaria del Mediterraneo

Scontro tra ex soci: "La Fiera si è fatta sempre a maggio" 

Ora tra i due ex soci è scontro. “Noi organizzeremo la fiera del campionaria del Mediterraneo, nella sua data storica - spiega a PalermoToday Ivan Lo Cascio, amministratore di CL20, che organizzerà l’evento chiamato Fiera campionaria di Palermo a maggio -. Il logo, ovvero un galeone con una ruota dentata attorno, è solo un logo figurativo che rappresenta il polo fieristico. Si chiamava Fiera del Mediterraneo il luogo dove venivano organizzate diverse fiere, non solo la campionaria, ma anche Medivacanza o Medisposa. Non identifica l'eventl. Poi nel gergo palermitano è stata chiamata così. Ma tecnicamente parliamo della Fiera campionaria che si svolge all’interno del polo fieristico del Mediterraneo”.

Logo della Fiera del mediterraneo

Lo storico organizzatore: "Ho ristrutturato i padiglioni del polo fieristico" 

Massimiliano Mazzara, di contro, spiega che negli anni ha anche ristrutturato i padiglioni 15 e 16 e in parte l’11, il 22 e il 24 del polo fieristico e durante la pandemia ha trasferito l’appuntamento al PalaGiotto, proprio per la storicità del suo impegno. “Un modo per dare continuità - spiega a PalermoToday -. Con Medifiere abbiamo creato e rimesso a nuovo una parte degli spazi. A fronte di un canone di locazione, abbiamo investito questa somma per la rinascita di un bene comune. Poi il Covid, lo stop nel 2020, nel 2021 e nel 2022. Ora la ripartenza. Quest'anno abbiamo deciso di anticipare la data per cambiamenti climatici, a fine maggio c’è troppo caldo e la gente preferisce andare al mare. La fiera l'ho ideata io, che sono da sempre il project manager, e non il mio ex socio di capitale Peduzzi”.

CL20, la società che appunto organizza questo secondo evento, sarebbe inoltre uno degli ex clienti di Medifiere. “Possono dare l’aggettivo “campionaria” al loro appuntamento - prosegue Mazzara - ma identificano in modo improprio la fiera. Io sono titolare esclusivo di entrambi i loghi, acquisiti quando si è sciolto l’Ente Fiera. La Fiera non si identifica con la data, che negli anni è variata sempre. La prima edizione del ’46 è stata per esempio dal 5 al 20 ottobre. La possono chiamare come vogliono - conclude Mazzara - il mercato è libero, l’importante è che si faccia chiarezza e cioè che la Fiera è una e una resterà. E siamo noi, che abbiamo soltanto anticipato l’edizione”.

La doppia concessione data dall'assessorato alle Attività produttive 

L’ago della bilancia è adesso il Comune di Palermo che ha dato l’autorizzazione a entrambi gli eventi, rispettando l'ordine cronologico delle domande. Prima è arrivata quella di maggio, poi quella di aprile. “Il bando con cui si dà in concessione il polo fieristico - spiega a PalermoToday l’assessore alle Attività Produttive Giuliano Forzinetti - è tutto da rivedere. Non è stato possibile fare una selezione tra una manifestazione e l’altra, perché l’avviso pubblico non ce lo permetteva. Adesso stabiliremo nuovi canoni per il prossimo anno. Hanno usato due nomi diversi, uno Fiera campionaria del Mediterraneo, l’altro Fiera campionaria di Palermo. Per noi tecnicamente, dunque, sono due eventi distinti e non c’è alcuna ragione per cui l’assessorato alle Attività produttive non dia in concessione il polo fieristico a entrambi a fronte di un canone. Ci rendiamo conto che bisogna tuttavia rivedere i criteri di assegnazione degli spazi”.

A entrambi gli eventi il patrocinio gratuito del Comune 

E’ scontro pure sul patrocinio che il Comune assegnerà a entrambe le manifestazioni. “La Fiera originale, organizzata dall’Ente Fiera - fanno sapere dal Cerimoniale del Comune - non esiste più. Da allora Medifiere ha avuto titolarità assoluta dell'evento. Il patrocinio gratuito è già stato concesso per l’evento di maggio, la cui richiesta è arrivata per prima. E' in fase di concessione per quello di aprile, la cui domanda è arrivata invece dopo, ma è questione di giorni. Il Comune resta sopra le parti. Entrambi gli eventi portano a un arricchimento dello spazio. Una volta che i padiglioni vengono concessi, si paga una quota per l’utilizzo. L’amministrazione non ha alcuna ragione per respingere il patrocinio a una manifestazione che, sin dal nome e a prescindere da chi la organizzi, ha scritto la storia della città”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una Fiera per due: guerra di marchi e scontro tra ex soci, l'evento si sdoppierà tra aprile e maggio

PalermoToday è in caricamento