Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca Uditore-Passo di Rigano / Via Uditore

Carmela, in 5 mila alla fiaccolata: "Cento a scuola e nella vita"

Studenti, professori, genitori e semplici cittadini hanno partecipato ieri sera al corteo. Sulle magliette dei compagni di classe il testo di una canzone di Ligabue, tra le preferite dalla diciassettenne

Migliaia di persone hanno partecipato ieri sera alla fiaccolata per ricordare Carmela Petrucci: la diciassettenne  uccisa venerdì scorso a coltellate mentre difendeva la sorella Lucia dalla furia omicida dell'ex fidanzato. Una marcia silenziosa, carica di dolore e commozione. Il corteo è partito alle 21 dal liceo Umberto I di via Filippo Parlatore, diretto in via Uditore, davanti allo stabile dove abita la famiglia Petrucci e teatro venerdì pomeriggio dell’orribile delitto.

I compagni di classe della terza L indossavano una maglietta con la frase di una delle canzoni preferite di Carmela: ''Ti sento... nell'aria che è cambiata”, di Ligabue. Ad aprire il corteo uno striscione, ''100 a scuola, nella vita... per sempre''. Tantissimi studenti, ma non soltanto. Tra le oltre cinque mila persone erano presenti anche professori, il preside del liceo, genitori, semplici cittadini ma anche rappresentanti delle istituzioni cittadine, come il sindaco Leoluca Orlando, gli assessori Barbara Evola (Scuola) e Agnese Ciulla (Politiche sociali) e la consigliera comunale Antonella Monastra. Durante il percorso il corteo è diventato sempre più numeroso. Tantissime le persone che si sono accodate in silenzio alle fiaccole degli studenti. Poi alle 22,30 l’arrivo davanti al portone di via Uditore 14F. E lì è sceso un silenzio  quasi surreale.  Rotto solo da un lungo applauso e dalla commozione dei partecipanti. Alcune compagne di classe hanno affisso sul muro uno striscione e dei poster con le foto delle sorelle e sistemato alcuni mazzi di fiori.

Qualche istante di tensione quando alcune insegnanti, stanche dei flash dei fotografi e delle telecamere, hanno gridato: ''Basta sciacalli, andatevene''. A calmare gli animi è intervenuto Vincenzo Agostino, padre di Antonino, il poliziotto ucciso nel 1989. ''Il Paese deve conoscere il dolore di Palermo. I suoi amici e compagni sentono la mancanza di Carmela. Dobbiamo reagire, non possiamo stare in silenzio”, ha detto.  Dopo le preghiere, il corteo si andato lentamente sciogliendo. Questa mattina alle 11 verranno celebrati i funerali nella parrocchia di Sant’Ernesto, in via Campolo.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carmela, in 5 mila alla fiaccolata: "Cento a scuola e nella vita"

PalermoToday è in caricamento