“Addumamu i luci pi farinni abbiriri”, fiaccolata in centro contro l’emigrazione giovanile forzata

L'iniziativa è stata organizzata dal movimento Si resti, arrinesci ed ha interessato anche altri comuni dell'Isola: da Bagheria a Petralia Soprana fino a Mazara. L'obiettivo è mantenere alta l’attenzione sul fenomeno che affligge la Sicilia e sollecitare le istituzioni ad avviare un processo reale di risoluzione della problematica

La fiaccolata

Il movimento Si Resti, Arrinesci continua a far sentire la propria voce. Ieri in decine di comuni siciliani diversi membri hanno dato vita a delle fiaccolate per mantenere alta l’attenzione sul grave problema dell’emigrazione giovanile forzata dall’Isola e per sollecitare ancora una volta le istituzioni nell’avviare un processo reale di risoluzione della problematica. A Palermo hanno sfilato per le vie del centro. Fiaccolate anche a Bagheria, Petralia Soprana, Marsala, Mazara, Salemi, Gela, Agrigento, S. Biagio Platani, Catania e Messina. “Addumamu i luci pi farinni abbiriri”, questo lo slogan dell'iniziativa.

“Ci hanno insegnato - dichiarano dal movimento Si resti, arrinesci  - a vivere l’emigrazione forzata dalla nostra terra con conseguente suo spopolamento e impoverimento come un destino ineluttabile, a tollerarla come un male normalizzato. Ma così non è e adesso diciamo basta! Ciò che reclamiamo è il diritto alle radici! Non ci fermeremo fin quando non verrà delineato un nuovo modo di intendere la Sicilia, fino a quando non verrà elaborato un nuovo modello di sviluppo con una diversa gestione delle risorse che permetta di realizzare quelle condizioni necessarie per vivere dignitosamente nei luoghi in cui siamo nati e in cui abbiamo i nostri affetti. Riduzione del costo della benzina e aumento delle royalties, tempo pieno a scuola e fine dei tagli dello Stato agli enti locali sono solo alcune delle misure che in tal senso andrebbero prese. Gli abitanti sono nutrimento per la propria terra, noi siamo la luce della nostra terra e dobbiamo brillare e farci vedere e farci sentire per risollevarla”.

Proprio ieri l’assemblea dell’Anci ha incontrato il presidente della regione Musumeci rivendicando risorse e un nuovo modello di sviluppo per l’Isola che possa permettere ai giovani di rimanere. "Qualcosa inizia a muoversi nella giusta direzione - concludono - e il movimento va avanti sempre più spedito".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Coronavirus, in Sicilia morti altri tre anziani: 75 i nuovi contagi, più della metà a Palermo

  • "Cocktail in mano e mascherine al gomito": due pub chiusi per violazione norme anti Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento