Fgc Palermo: "Per la scuola pubblica, no al contributo"

Campagna contro il contributo scolastico promossa dal Fronte della Gioventù Comunista

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Migliaia di studenti di più di venti scuole palermitane sono stati accolti in questi giorni da volantini e striscioni della campagna nazionale per il blocco del contributo scolastico promossa dal Fronte della Gioventù Comunista, l'organizzazione nazionale della gioventù comunista attiva da alcuni mesi anche in Sicilia.

"Ogni anno - spiega Marco Cascone del FGC - le scuole chiedono alle famiglie di versare dei contributi per l'iscrizione alla scuola pubblica. Questi contributi sono aumentati sempre di più negli anni a fronte della diminuzione dei finanziamenti da parte dei governi nazionali. Così secondo una nostra inchiesta la media nazionale dei contributi è oggi di circa 130 euro all'anno.

Negli ultimi tre anni la scuola pubblica ha perso 2,5, miliardi di euro di finanziamenti da parte dello Stato, soldi che sono stati spesi in gran parte per il pagamento degli interessi sul debito pubblico, per spese militari, per provvedimenti favorevoli a banche e grandi imprese, mentre la scuola privata ha continuato a ricevere ogni anno una quota di finanziamento. Il paradosso è che le famiglie degli studenti sono costrette a pagare una vera e propria tassa mascherata per mandare i figli a scuola, quando la scuola pubblica dovrebbe essere gratuita.

Per questo invitiamo gli studenti a non pagare il contributo scolastico per non diventare complici dello smantellamento della scuola pubblica in Italia. Ogni euro di contributo pagato - conclude Marco Cascone - va a sostegno del processo di distruzione della scuola pubblica, contro cui abbiamo lottato in quest'autunno e negli anni precedenti".

Info: 3472292760 - fgcpalermo@gmail.com
sito web: www.gioventucomunista.it
facebook: fronte della gioventù comunista - palermo

Torna su
PalermoToday è in caricamento