rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Cronaca Tribunali-Castellammare / Piazza Pretoria

Festival della città educativa, esperti a confronto per tutelare i più giovani

Finora le adesioni sono state 169. Domani a Palazzo delle Aquile si apre la seconda fase dell'iniziativa. In programma un incontro su politiche sociali e coordinamento tra istituzioni e terzo settore

Mettere in campo una serie di iniziative per i più giovani, facendo in modo che istituzioni e terzo settore riescano a collaborare in maniera fruttuosa. Questo uno degli obiettivi del "Festival della città educativa", in corso a Palermo.

L'iniziativa è articolata in più fasi, si apre adesso quella denominata del "Sapere Fare". Domani alle 10 Palazzo delle Aquile ospiterà un incontro su: politiche sociali, risorse per l'infanzia e l'adolescenza, piano della città, istituti di garanzia, coordinamento tra istituzioni
e terzo settore. A confronto rappresentanti delle più importanti amministrazioni territoriali. A coordinare è il salesiano Giovanni
D'Andrea (già direttore del Centro Santa Chiara), intervengono: Agnese Ciulla, assessora comunale per la Cittadinanza sociale; Barbara Evola, assessora comunale alla Scuola; Giusto Catania, assessore comunale alla Partecipazione; Giuseppe Gini, assessore comunale
all’Urbanistica; Francesca Cannizzo, prefetta di Palermo; Concetta Sole, presidente Tribunale per i Minorenni di Palermo; Amalia
Settineri, procuratore Tribunale per Minorenni; Rosalba Salierno, dirigente dell’Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni di Palermo;
l’Ufficio XV Ambito territoriale Palermo dell’Ufficio scolastico regionale di Sicilia; l’Università di Palermo; Antonino Candela, direttore generale ASP 6 Palermo; Giuseppe Romancini, portavoce Forum del Terzo settore Palermo; Maria Rosaria Maiorino, questora di
Palermo. L’ingresso all’incontro è libero e aperto a tutta la cittadinanza.

La seconda fase del Festival,ha lo scopo di "fotografare la realtà palermitana a partire dai diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. In città vi sono tante esperienze in cui tali diritti sono tutelati, altre in cui sono messi in secondo piano. Sondare quanto accade nel nostro territorio servirà a formulare un progetto comune di rinnovamento e di interventi che prenderà forma nell’ultima settimana del Festival (23-28 febbraio 2015). Momento in cui tutti gli aderenti (enti, istituzioni e organizzazioni sociali) assumeranno anche degli impegni concreti e verificabili. Tutti gli incontri del “Saper Fare” saranno disseminati nei quartieri cittadini e coinvolgeranno in gruppi di discussione e di confronto quante più realtà sociali possibile.

Finora le adesioni sono state 169. L’elenco dettagliato degli aderenti, il modulo per aderire, tutte le informazioni e gli appuntamenti del Festival, si trovano su www.palermoeducativa.it, oppure nel gruppo Facebook palermoeducativa o, ancora su twitter #palermoeducativa. Inoltre, si possono chiedere chiarimenti, materiali e ulteriori informazioni a
info@palermoeducativa.it.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festival della città educativa, esperti a confronto per tutelare i più giovani

PalermoToday è in caricamento