Cronaca Tribunali-Castellammare

Impegno sociale e multicultura: ecco l'edizione 388 del Festino

Presentata dal sindaco e dal cardinale Romeo la kermesse di quest'anno in onore della "Santuzza". La statua è realizzata dallo scultore Salvatore Rizzuti mentre il carro è a forma di barca. "Edizione sobria nei costi ma non nella partecipazione"

Multiculturalismo e impegno del sociale, pensando a chi ogni giorno spende il suo impegno accanto agli ultimi. E’ questo il tema del 388esimo Festino di Santa Rosalia, presentato oggi in Curia dal cardinale Paolo Romeo e dal sindaco Leoluca Orlando. Uno spirito racchiuso nello slogan "Dedicato a chi fa miracoli: ogni santo giorno". Con trenta cittadini "straordinariamente normali" impegnati nel no-profit che saliranno sul carro trionfale della patrona per abbracciare idealmente la statua della "Santuzza".

"Il senso del festino di quest'anno - a detto il sindaco, Leoluca Orlando- è la volontà di fare comunità. Palermo è una città stretta tra emergenza e progetto e Santa Rosalia ci ricorda come possiamo e dobbiamo costruire la comunità dei palermitani, superando l'individualismo imperante che contraddistingue i nostri tempi e che non consente di raggiungere i nostri obiettivi. E proprio le storie di persone comuni dall'impegno straordinario che saliranno sul carro – ha concluso Orlando - con il loro esempio ci ricorderanno i valori di Santa Rosalia e di Don Pino Puglisi".

"Credo - ha detto il cardinale Romeo - che queste nuove forme di peste che constatiamo ogni giorno come la mancanza di lavoro, creino insicurezza che spinge tante persone a seguire le vie dell'illegalità. Questa crisi è come un iceberg, ma quello che si vede è solo la punta e ciò che mi preoccupa è la parte nascosta, la crisi dei valori. Per questo motivo il festino può essere l'occasione per una maggiore responsabilità da parte di tutti noi e per far sì che questa città possa essere degna dell'esempio di Santa Rosalia e di Don Pino Puglisi".

Il festino, ha detto l'assessore comunale alla Cultura, Francesco Giambrone, "sarà caratterizzato da una grande sobrietà di spesa ma anche da una grande partecipazione della città. Come stabilito non supereremo il tetto dei 500 mila euro ma da oggi inizia un tempo nuovo in cui le istituzioni si riuniscono e fanno squadra per realizzare insieme dei progetti. Sarà anche -ha aggiunto Giambrone- l'occasione per coinvolgere le tante comunità straniere che hanno chiesto di partecipare al corteo perché l'idea è di realizzare una grande dimensione di condivisione per coinvolgere sempre più la città".

LA STATUA. Realizzata dallo scultore Salvatore Rizzuti, artista e docente dell'Accademia di Belle Arti, aiutato dagli allievi di corso, la statua di Santa Rosalia quest'anno rappresenta una donna viva e pulsante, semplice nella veste e in movimento sulla terra trasportata dal carro trionfale, realizzato ex novo su progetto dello scenografo Renzo Milan è ispirato nella forma a una barca e nei colori al multiculturalismo. Lo scafo è invece decorato con centinaia di piastrelle dipinte a mano, che riprendono le maioliche in uso nei popoli di tutto il mondo. I colori siciliani sono sulla chiglia e la poppa.  Il carro sarà preceduto da un corteo composto da oltre 200 danzatori delle maggiori scuole e compagnie di Palermo, da altrettanti musicisti e attori che animeranno tre giornate di spettacolo, da 70 allievi del Conservatorio, da 40 tra allievi e docenti dell'Accademia di Belle Arti, da 500 membri delle comunità straniere e dai ragazzi di Addiopizzo.

PERCORSO.  Il carro partirà dalla Cattedrale, dove verrà proiettata l'immagine di un narratore, Mimmo Cuticchio, che leggerà un prologo. Prima sosta sarà a piazza Bologni dove sarà la volta del "Fest mob" dei danzatori aperto ai cittadini che vorranno unirsi al ballo. Poi i Quattro Canti, dove sulle facciate monumentali verrà proiettato un video accompagnato dalla voce di Franco Scaldati e poi, come da tradizione, il sindaco salirà sul carro per gridare "Viva Palermo e Santa Rosalia". A porta Felice gran finale con un concerto e i fuochi d'artificio. 

 
 
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impegno sociale e multicultura: ecco l'edizione 388 del Festino

PalermoToday è in caricamento