Il Festino al contrario: lavoratori dello spettacolo sfilano con la "Santa Rosalia degli invisibili"

Il simulacro sarà trasportato su un furgoncino addobbato da rose di carta realizzate da bambini e dai residenti dei quartieri Zen e Albergheria

Continua a Palermo la mobilitazione dei lavoratori e le lavoratrici dello spettacolo. Il 14 luglio, il giorno del Festino, “Santa Rosalia degli invisibili” con una serie di triunfi rielaborati in forma di denuncia darà voce a chi una voce, in questo momento, non ce l’ha. È il secondo atto di protesta di “Arte è martello” (il primo fu lo sciopero al contrario di giorno 5 giugno) e prevede che “Santa Rosalia degli Invisibili”, raggiunga i quartieri Zen (ore 17 e 30 circa), Romagnolo (ore 18 e 30), Borgo Vecchio (ore 19,30) e Albergheria (ore 21 circa).

Il simulacro sarà trasportato su un furgoncino, simbolo dei lavoratori, addobbato da rose di carta realizzate da bambini e dai residenti dei quartieri Zen e Albergheria, attraverso dei laboratori ideati dagli artisti e tenuti dai volontari delle associazioni coinvolte, nella settimana che ha preceduto il 14 luglio, e sarà accompagnato dalle voci degli invisibili che reciteranno incessantemente dei triunfi rielaborati e riscritti in forma di denuncia. Risuoneranno dunque per la città le voci dei lavoratori dello spettacolo, le voci delle donne dello zen, le voci dei migranti, e ancora di tutte quelle esistenze che chiedono che i riflettori non si spengano su nessuna categoria di invisibili, sostenendo la volontà ferma di continuare a manifestare fino a quando non saranno prese in carico misure concrete di riforma del sistema generale. Per ogni piazza è prevista una sosta di pochi minuti in cui gli artisti affacciati ai balconi reciteranno e suoneranno dei brevi triunfi in onore della Santa degli Invisibili.

Inoltre a piazza Bologni alle 20 (circa) è previsto un flash mob degli artisti che si materializzeranno come muti fantasmi, e da tali agiranno nello spazio, identificati da un cartello che riporta: nome, cognome, professione e matricola enpals, a sottolineare un vuoto istituzionale e morale che non può più essere tollerato. Non si hanno ancora risposte concrete da parte del Governo nazionale  e regionale e poco è stato fatto per la gestione della Fase 2, quella legata alla riapertura e alla ripresa.

"L'iniziativa 'Santa Protesta' organizzata domani dai lavoratori e dagli operatori dello spettacolo è più che sacrosanta. Vi sono realtà nelle quali lo spettacolo, l'arte e la cultura, sono o meglio dovrebbero essere tra i motori della rinascita. Palermo e la Sicilia sono certamente fra queste realtà, ma i lavoratori di questo settore sono invece stati praticamente abbandonati, fra regole e misure di prevenzione di difficile o impossibile attuazione e assenza di reale sostegno economico. Regole che appaiono ancora più incomprensibili alla luce del drastico allentamento delle restrizioni applicato in diversi settori". Così il sindaco Leoluca Orlando e il neo assessore alle Culture Mario Zito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'assessore avrà tra i propri primi impegni proprio un incontro con i promotori della manifestazione che domani vedrà spettacoli itineranti allo Zen, a Romagnolo, a Borgo Vecchio e all'Albergheria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Palermo, ragazza di 27 anni muore dopo avere mangiato gamberi

  • La corsa in ospedale e la disperazione, bambino di 3 mesi muore al Di Cristina

  • Tragedia a Isola, accusa un malore mentre esce dall'acqua e muore in spiaggia

  • Maltempo in arrivo: temporali e rischio grandine, scatta l'allerta meteo

  • Suicidio in via Guido Cavalcanti, commerciante di 62 anni si toglie la vita

  • "Ho ucciso io quella donna cinque anni fa: le ho stretto una corda al collo per sei minuti"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento