menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il corteo giunto a piazza Verdi - foto Alessandro Vetrano

Il corteo giunto a piazza Verdi - foto Alessandro Vetrano

Palermo ricorda i martiri della Resistenza, deposta corona di fiori al Giardino Inglese

Alla cerimonia hanno partecipato, fra gli altri, il sindaco Orlando e il prefetto Antonella De Miro. Poi il corteo da via Libertà a piazza Verdi per l'esibizione del coro della polizia municipale

Una corona di fiori al Giardino Inglese per ricordare i martiri della Resistenza. Si è svolta stamattina la cerimonia nel parco urbano di via Libertà dove si è celebrata la prima parte della manifestazione commemorativa del 25 aprile. Tra i presenti il sindaco Leoluca Orlando, il prefetto Antonella De Miro, le autorità civili e militari, i rappresentanti dell'Anpi e il partigiano Giuseppe Benincasa. Poi il corteo in direzione piazza Verdi, per l’esibizione del coro della polizia municipale.

Il presidente dell'Anpi Palermo, Ottavio Terranova, ha letto un appello per la pace e per l'accoglienza dei migranti, condiviso dal primo cittadino palermitano che ha ricordato anche la figura di Giorgio Perlasca, l'uomo che fingendosi un diplomatico salvò almeno cinquemila ebrei dalla deportazione. Orlando ha pure parlato della strage di Portella della Ginestra, di cui quest'anno ricorre il settantesimo anniversario. Alle ore 13 un’altra corona di fiori sarà deposta a Palazzo delle Aquile.

"La nostra Carta costituzionale – ha commentato il sindaco Orlando nel corso del suo intervento - oggi trova a Palermo una propria applicazione, perché la nostra città cerca di essere la capitale dei diritti di tutti e di ciascuno riconoscendo ogni essere umano come tale. Essere città dell'accoglienza, accogliere i migranti, serve non soltanto a rispettare e a ricordare i diritti dei migranti, ma anche i diritti di tutti noi. La sfida che ci aspetta è dimostrare come sia possibile vivere quotidianamente un cammino di liberazione per il quale tanti hanno dato la vita, in anni ormai lontani, ma con un'esperienza quanto mai attuale".

Numerosi gli appuntamenti previsti nel pomeriggio in piazza Casa Professa, come l’eposizione degli artigiani di Alab Palermo, l’incontro con Daniele Fabbri “Qvando c’era Lvi a Palermo”. Alle 19 spazio a “Ricordando Gramsci - Resistenze in Europa e nel Mediterraneo” , cui seguirà il dibattito con lo storico Giuseppe Carlo Marino, la rappresentante della Lega tunisina dei diritti dell'uomo Najet Zammouri, Anna Bucca dell’Arci e Sergio Cipolla del Ciss Ong. Infine, alle 20.30, musica live sul palco con Agnello, 12BBR e Daniele Sepe.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento