rotate-mobile
Cronaca Bagheria / Corso Butera, 401

Donna trovata morta in casa a Bagheria, si indaga per omicidio: sospetti sulla figlia

Gli investigatori e un magistrato della Procura per i minori hanno ascoltato la ragazza, una diciassettenne, che la notte precedente al ritrovamento del cadavere avrebbe litigato con la madre. Il racconto della giovane è al vaglio degli inquirenti

In un primo momento, alla luce degli elementi acquisiti inizialmente, si era ipotizzato un caso di suicidio. Il prosieguo delle indagini, però, avrebbe rivelato un'altra verità: la figlia sarebbe la principale sospettata. Svolta nel giallo di Bagheria dove questa mattina è stata trovata morta in casa, in un appartamento di corso Butera, una donna di 55 anni, Teresa Spanò. A lanciare l'allarme sarebbe stata la figlia diciassettenne sostenendo che la madre avesse ingerito delle pillole. Il racconto si sarebbe sgretolato davanti alle domande del magistrato e degli investigatori della squadra mobile, assumendo i contorni di una confessione.

La telefonata della ragazza è arrivata alle prime ore del mattino. La giovane avrebbe riferito di aver litigato la notte precedente con la madre, insegnante in una scuola media del Palermitano, che poi avrebbe assunto delle pillole. Un dettaglio che avrebbe suggerito agli investigatori la pista di un decesso causato dall'ingerimento di farmaci e dunque un caso di suicidio. Incalzata dalle domande del magistrato e degli agenti di polizia, la ragazza si sarebbe contraddetta su alcuni particolari convincendo inquirenti ad approfondire il suo racconto. Anche con il supporto di uno psicologo data la minore età della giovane.

Il medico legale aveva già ispezionato il cadavere, non rinvenenendo evidenti segni sul corpo dell'insegnante che potessero far pensare a una morte violenta se non qualche graffio, sembrerebbe lieve, nella regione del collo. Adesso toccherà agli investigatori della polizia e alla procura minorile mettere insieme i vari tasselli dell'indagine per accertare come sia morta la 55enne ed eventualmente per mano di chi. La posizione della ragazza è ora al vaglio della Procura per i minori. Se nelle prossime ore gli indizi acquisiti finora dovessero diventare prove, il procuratore Claudia Caramanna potrebbe emettere un decreto di fermo nei confronti della diciassettenne con l'accusa di omicidio volontario.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donna trovata morta in casa a Bagheria, si indaga per omicidio: sospetti sulla figlia

PalermoToday è in caricamento