Segni particolari: giovani e già genitori, l'esercito dei 3.700 palermitani abusivi

Il caso (uno dei tantissimi) di una coppia con un figlio piccolo. I tre vivono in una casa popolare in via Li Sacchi, nel quartiere Oreto. Hanno presentato richiesta di sanatoria per regolarizzare la loro posizione ma la loro istanza è stata respinta: "A Palermo può esplodere la clandestinità"

Sono occupanti abusivi di un immobile di proprietà del Comune. Hanno presentato richiesta di sanatoria per regolarizzare la loro posizione, con la norma approvata a maggio dall'Ars nella finanziaria 2018.  Ma la loro istanza è stata respinta. La loro è una delle circa 800 domande di sanatoria già presentate al Comune di Palermo -  su una stima di 3.700 occupanti abusivi di immobili pubblici in città -  da parte di famiglie interessate a regolarizzare la posizione abitativa e a pagare un canone di locazione. Si tratta di una giovane coppia con un figlio piccolo, che vive in una casa popolare in via Li Sacchi, nel quartiere Oreto.

Un caso che preoccupa il Sunia, il sindacato degli inquilini, perché potrebbero seguirne altri a breve, nel corso dell'esame delle pratiche.   “Questa famiglia non ha potuto dimostrare da quanto occupa abusivamente l'abitazione. Il 90 per cento degli occupanti abusivi risulta  residente da padri, madri, fratelli. Come si fa a produrre atti ufficiali per dimostrare l'inizio dell'occupazione antecedente al 31 dicembre 2017, come chiede la norma approvata all'Ars?”.

I funzionari comunali dell'assessorato al Diritto e dignità dell'abitare hanno chiesto alla coppia l'esibizione di documenti ufficiali per stabilire la data. “C'è una legge, la Renzi-Lupi, che rende questo difficile. Stabilisce infatti che chi occupa un immobile abusivamente non ha diritto dell'iscrizione all'anagrafe e non può di conseguenza avere un contratto di luce, acqua e telefono. Una legge che ostacola un'altra legge. E' un problema che abbiamo sollevato al Comune. Ieri questa famiglia è arrivata al Sunia per capire come trovare i documenti necessari per comprovare l'inizio della loro occupazione”.

Il Sunia, fermo comunque nel suo giudizio negativo sulla  sanatoria proposta dal governo Musumeci “perché lede il diritto di migliaia di famiglie iscritte nella graduatoria delle case popolari”, ritiene che  i problemi di natura burocratico- amministrativa che stanno emergendo rischiano di sospingere nell'irregolarità e nella clandestinità decine di famiglie che, fiduciose,  hanno presentato istanza per la regolarizzazione della loro condizione e del loro rapporto con la pubblica amministrazione o con l'Iacp.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Così la burocrazia si carica di ulteriore responsabilità rispetto all'aumento del disagio sociale e abitativo – aggiunge Zaher Darwish -  Motivo per cui chiediamo un immediato intervento delle istituzioni a garanzia di chi si è fidato della normativa e ha espresso volontà di regolarizzare il proprio rapporto.  Bisogna trovare strumenti che riportino nella legalità e nel rispetto della  norma le famiglie che vogliono diventare assegnatarie a tutti gli effetti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trabia, matrimonio da incubo: sposa investita dalle fiamme durante il flambè di benvenuto

  • Tragico incidente in via Roma, scontro auto-moto: un morto

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Coronavirus, 61 i nuovi casi in Sicilia: a Palermo un'altra vittima e un neonato contagiato

  • Sedici anni senza la voce sublime di Giuni Russo, ma a Palermo neanche una via per ricordarla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento