Falsomiele, per sfuggire alla polizia getta l'eroina dalla veranda: arrestato

In manette è finito un pregiudicato di 56 anni. In casa dell'uomo, gli agenti hanno trovato seicento euro in banconote e 33 dosi di droga. Immessa sul mercato avrebbe fruttato circa cinquemila euro

La droga sequestrata dalla polizia

La polizia bussa alla porta per una perquisizione e lui, per non finire nei guai, getta la droga che ha in casa dalla veranda. Il trucco non è andato a buon fine e Paolo Di Miceli, pregiudicato di 56 anni, è finito in manette per traffico e detenzione illecita di sostanza stupefacente.

Gli agenti si sono insospettiti vedendo un insolito viavai di giovani dall'abitazione dell'uomo, nella zona di Falsomiele. Sono così scattati i controlli. I poliziotti, dal momento che l'uomo non aveva alcuna intenzione di aprire la porta, hanno fatto irruzione nell'appartamento. Una volta dentro hanno sorpreso Di Miceli mentre gettava un involucro in cellophane, dalla veranda.

Il pacchetto è stato recuperato da altro agenti che controllavano l'esterno della casa, all'interno c'erano 33 dosi di eroina confezionate singolarmente e due involucri con all’interno pezzi ancora da tagliare. Se immessa sul mercato la droga avrebbe fruttato circa cinquemila euro. In casa c'erano anche 600 euro in banconote da piccolo taglio, ritenute provento dello spaccio. L'arrestato adesso si trova al Pagliarelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa da Campofiorito, vede disegno della figlia in tv e dà sue notizie: "Sto bene"

  • Maltempo in arrivo, attesi venti di burrasca e forti temporali: scatta l'allerta meteo arancione

  • L'agguato con la pistola e la rapina in mezzo al traffico, arrestato diciassettenne

  • "Tutte cose levate hai, pezza di tro...": le intercettazioni nella casa di cura delle violenze

  • Doppio pestaggio nella notte, in due picchiano le vittime mentre un terzo filma col cellulare

  • Conti in banca, auto di lusso e un ristorante: sequestrati beni a un 37enne di Partinico

Torna su
PalermoToday è in caricamento