Bar, Porsche e conti correnti: sequestro da mezzo milione per la banda spaccaossa

Nel mirino della guardia di finanza i patrimoni accumulati da Domenico Schillaci (uno dei cosiddetti “vampiri”) e da Giovanna Lentini (il sedicente avvocato). Il primo, nel 2017, aveva dichiarato redditi per 109 euro

L'auto sequestrata

Sequestro da mezzo milione per uno dei “vampiri” della banda spaccaossa e per un sedicente avvocato. I militanti della guardia di finanza e gli agenti della polizia penitenziaria hanno messo i sigilli ai beni di Domenico Schillaci e Giovanna Lentini, due dei destinatari del decreto di fermo eseguito all’alba i ieri con cui è stata sgominata un’organizzazione attiva sul fronte delle truffe alle compagnie assicurative.

"Mi porti cinquemila euro al giorno", così faceva affari la banda spaccaossa | Video

Sotto sequestro sono finiti il nuovissimo “Bar Dolcevita” di Domenico Schillaci di via Filippo Brunelleschi (ristrutturato secondo gli investigatori con i soldi derivanti dalle ossa rotta ndr), con anche una sala biliardo e annessa sala slot machine; il centro scommesse creato all’interno dello stesso bar (anche se formalmente intestato a un'altra persona ndr). Sotto sequestro anche una Porsche Macàn e uno scooter T-Max di Schillaci; un gommone con motore fuoribordo Envinrude da 150 cavalli riconducibile sempre a Schillaci; conti correnti, polizze assicurative e altre disponibilità finanziarie di Schillaci e della moglie; la società di disbrigo pratiche assicurative della Lentini; un’autovettura nella disponibilità della Lentini nonché conti correnti, polizze assicurative e disponibilità finanziarie. 

I nomi delle 42 persone fermate

“A fronte degli ‘spiccioli’ alle vittime, i due indagati – si legge in una nota della finanza - negli ultimi cinque anni non hanno mai dichiarato redditi idonei nemmeno a garantire il minimo sostentamento quotidiano (nel 2017, Schillaci ha dichiarato redditi per 109 euro) ma avevano accantonato beni di elevato valore e reimpiegato i proventi illeciti nelle loro società”. Parte dei soldi ottenuti in maniera illecita sarebbe stata quindi riciclata in strutture societarie e beni mobili di lusso facenti capo ai due soggetti.

Ludopatici e disoccupati, parlano le vittime degli spaccaossa: "Mille euro per farci rompere le braccia"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Durante le perquisizioni sono stati sequestrati inoltre contanti “ingiustificati” per oltre 21 mila euro, insieme a assegni, libretti postali; numerose carte di debito prepagate; farmaci e presidi sanitari trafugati presso i nosocomi cittadini; telefoni cellulari e pc.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ponte Oreto, ragazza si suicida lasciandosi cadere nel vuoto

  • Giovane esce di casa e scompare nel nulla: "Aiutateci a trovarlo"

  • La morte di "Ago" in viale Regione Siciliana, indagata l'automobilista che lo ha investito

  • Rap, presa la "banda di Bellolampo": rubavano gasolio da mezzi e cisterne, 21 arresti

  • Furti di gasolio in discarica, coinvolti dipendenti Rap: i nomi degli arrestati

  • Soccorsa in strada a Ballarò, donna di 30 anni muore prima dell'arrivo in ospedale

Torna su
PalermoToday è in caricamento