Cronaca

Per la Gesip è arrivata l’ora x: dal primo settembre niente soldi

Non ci sono fondi per pagare i 1.800 lavoratori. Stop a tutte le attività: dal trasporto disabili ai servizi cimiteriali. Oggi manifestazione alle 17, mentre il Sindaco chiama il ministro Cancellieri. Comune a rischio default

Il giorno tanto temuto sembra essere arrivato. Dal primo settembre il Comune non avrà più i soldi per pagare i circa 1.800 lavoratori della Gesip. E verrà dato lo stop alle attività. I fondi non bastano neppure per pagare gli stipendi di agosto e i lavoratori si preparano a scendere in piazza. Intanto il Sindaco cerca soluzioni.

Cresce la preoccupazione dei sindacati. Già oggi alle 17 è stata convocata la prima manifestazione di fronte a Palazzo delle Aquile, in occasione della seduta del consiglio comunale. Mentre con lo stop delle attività, si annunciano disagi su vari fronti: dai servizi cimiteriali al trasporto dei disabili, dalla pulizia degli asili nido e delle scuole materne e comunali alla pulizia e manutenzione del verde pubblico. "Attendiamo sviluppi -dichiara Loris Bompasso della Uiltucs - è l'ennesima notizia che dimostra come la soluzione definitiva ai problemi della Gesip sia ancora lontanissima"

"Ho avuto un colloquio telefonico con il ministro dell'Interno Annamaria Cancellieri sulla situazione della Gesip – ha annunciato ieri Orlando tramite una nota – e mi ha informato del fatto che la questione, insieme ad altre situazioni analoghe relative ad altri territori, sarà discussa entro la settimana dal Consiglio dei Ministri".

Ma in serata sono arrivate anche le dichiarazioni, per nulla confortanti, del Ministro. "Quella del comune di Palermo è una situazione molto complessa, ma io non mi sento di dare giudizi sull'operato autonomo di un funzionario. Magari guardando i conti potrei dire qualcosa di più. Luisa Latella (accusata da Orlando di non aver fatto nulla per evitare il dissesto ndr) poteva decidere o meno di dichiarare il dissesto - aggiunge il ministro - nella sua autonomia e professionalità ha preferito non farlo. Se abbia fatto bene o male, dovrebbe saperlo chi conosce i conti del Comune che io non conosco. Il dissesto si può dichiarare in qualsiasi momento, e se ci sono le condizioni lo può dichiarare anche il sindaco Orlando".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per la Gesip è arrivata l’ora x: dal primo settembre niente soldi

PalermoToday è in caricamento