Cronaca

"Non usò silicone per l'intervento", assolto chirurgo plastico

Fabrizio Castagnetta nel 2007 era stato accusato di aver sfigurato il volto di una ragazza di 26 anni per gli effetti di un'operazione alle labbra. Le perizie hanno escluso l'utilizzo della sostanza

Il chirurgo plastico Fabrizio Castagnetta è stato assolto dall'accusa di avere provocato un gravissimo danno fisico a una giovane, usando il silicone per un intervento alle labbra. In realtà, secondo quanto è emerso al processo, concluso oggi davanti al giudice monocratico del tribunale di Palermo, Ferdinando Pedone, la sostanza utilizzata non fu silicone ma Biocalmid, un riempitivo a base di acqua, che viene riassorbito in poco tempo. La presenza di tracce di silicone, trovate in un primo momento dagli esperti, non fu confermata dalle successive perizie e dunque l'accusa è caduta, al termine di un dibattimento durato quattro anni.

L'intervento era stato eseguito da Castagnetta nel 2002, quando la paziente che lo aveva richiesto aveva 21 anni, ma gli effetti negativi per l'estetica si manifestarono nel 2007, quando cominciarono allergie, gonfiori e malesseri. La ragazza, sostanzialmente sfigurata, si rivolse a un altro chirurgo plastico, a Roma, e si scoprì la presenza di tracce di silicone, sostanza potenzialmente dannosa, se non usata con i dovuti accorgimenti. Ma che Castagnetta avesse usato silicone è stato escluso dalle perizie.

 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Non usò silicone per l'intervento", assolto chirurgo plastico

PalermoToday è in caricamento