rotate-mobile
Martedì, 5 Marzo 2024
Cronaca

La testimonianza del cantante Fiorellino scagiona un presunto boss della Noce

Fabio Chiovaro, sotto processo per associazione mafiosa, assolto dall'accusa di violazione della misura della sorveglianza speciale. I giudici della prima sezione del tribunale di Palermo hanno creduto al cantante

Da presunto capomafia della Noce ad abile paroliere del cantautore napoletano Gianni Fiorellino: un mestiere che ha salvato Fabio Chiovaro, sotto processo per associazione mafiosa, e assolto dall'accusa di violazione della misura della sorveglianza speciale. Chiovaro, difeso dall'avvocato Tommaso De Lisi, si è trovato imputato di avere violato la sorveglianza speciale perché il 12 giugno del 2012 fu trovato dalla polizia in casa in compagnia di amici, familiari, del cantante Fiorellino e di un pregiudicato.

La presenza di quest'ultimo - ai soggetti alle misure di prevenzione è vietato stare in compagnia di pregiudicati - fece scattare la denuncia. Oggi, però, in difesa di Chiovaro ha deposto il cantautore partenopeo che, oltre a decantare le doti di paroliere del presunto mafioso che avrebbe scritto di testi di diverse sue canzone, ha raccontato che il pregiudicato era lì perché gli fa da autista e non per incontrare Chiovaro. Fiorellino e Chiovaro si sarebbero visti per parlare, appunto, di lavoro perché, il cantante si sarebbe dovuto esibire nel quartiere il giorno successivo. La testimonianza è stata ritenuta credibile dai giudici della prima sezione del tribunale di Palermo che hanno assolto il presunto boss. (Fonte: Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La testimonianza del cantante Fiorellino scagiona un presunto boss della Noce

PalermoToday è in caricamento