Natale e Capodanno "su prenotazione": pubblicato il bando per i micro eventi nei quartieri

Il Comune si rivolge ai privati per l'organizzazione delle iniziative - durante il periodo compreso fra il 18 dicembre e il 6 gennaio - che sostituiranno le manifestazioni pubbliche, bloccate a causa del Coronavirus. Istanze entro 15 novembre, ecco chi può partecipare

Micro eventi e iniziative culturali in ognuna delle otto circoscrizioni, con prenotazione obbligatoria, al posto delle grandi manifestazioni pubbliche solitamente organizzate a Natale e Capodanno. Il rischio che l'epidemia di Coronavirus possa provocare ulteriori contagi ha indotto l'amministrazione comunale ha correggere il tiro: niente concertone di fine anno né mercatino di Natale e fondi dirottati per piccole iniziative nel periodo compreso fra il 18 dicembre e il 6 gennaio.

E' quanto prevede l'avviso pubblico destinato ai privati, pubblicato oggi sul sito istituzionale del Comune. Possono presentare istanza di partecipazione gli operatori culturali, formalmente costituiti da almeno un anno: enti, istituzioni, associazioni e organismi di promozione culturale in genere, che dimostrino di trovarsi in corso di attività. Ciascuna associazione potrà proporre un solo progetto e dovrà farsi carico delle spese per gli adempimenti imposti dalla norme anti Coronavirus. Le manifestazioni dovranno avvenire esclusivamente dietro prenotazione obbligatoria: non è infati prevista la formula “ingresso libero fino ad esaurimento posti”.

L'avviso mira alla predisposizione di otto graduatorie, una per ciascuna circoscrizione, di progetti da acquisire e promuovere nei limiti delle disponibilità di bilancio dell'amministrazione, dopo la valutazione di una commissione interna. C'è tempo fino al 15 novembre per presentare le proposte all’area della Cultura de Comune di Palermo, esclusivamente attraverso pec, all'indirizzo settorecultura@cert.comune.palermo.it.

"E' un momento di grande difficoltà e di grande incertezza per il mondo della cultura - ha dichiarato l'assessore alle Culture, Mario Zito -. Lo abbiamo detto nei giorni scorsi mostrandoci a fianco degli operatori culturali. Con questo avviso pubblico intendiamo mandare un messaggio di concretezza e di speranza; la concretezza di un impegno che vorremmo potesse proseguire e la speranza di un futuro in cui le difficoltà saranno superate, anche grazie ai sacrifici di questi giorni".

"La cultura, soprattutto la cultura che i tanti operatori e artisti della nostra città producono con grande vitalità, è uno degli elementi distintivi della nostra comunità - ha detto il sindaco Leoluca Orlando -. Non esiste comunità a Palermo senza i suoi artisti, i suoi teatranti, i suoi musicisti, i suoi colori e i suoi suoni. Per questo abbiamo voluto comunque andare avanti nella pubblicazione di questo avviso, che speriamo possa portare a tante piccole iniziative diffuse, che regalino sorrisi, speranze, sogni ed emozioni in tutti i quartieri della città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Coronavirus, divieto di spostamenti tra regioni valido anche per quelle in area gialla

  • Ragazzo disabile violentato nei bagni del centro commerciale, condannati due uomini

Torna su
PalermoToday è in caricamento