rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Cronaca

Gli eventi per la commemorazione di Daniele Discrede

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Il Comitato spontaneo "Verità e giustizia per Daniele", composto da amici e parenti di Daniele Discrede, giovane commerciante palermitano ucciso durante un tentativo di rapina il 24 Maggio del 2014 ha organizzato una serie di eventi per ricordarne la memoria e per non far abbassare la guardia nella ricerca della verità e nell'assicurare gli omicidi alla giustizia.

Giovedì 19 Maggio 2016 alle ore 11, presso la scuola media "Emanuela Setti Carraro" già frequentata dalla vittima, è previsto un incontro con gli studenti delle classi di seconda e terza media per discutere di legalità e dell'increscioso fatto che, in questa città, può accadere a tutti e che, invece, non dovrebbe accadere.

Parteciperanno i fratelli di Daniele Discrede che affronteranno il faccia a faccia con gli alunni.

Venerdì 20 Maggio 2016 alle ore 15, presso il campo Ribolla di via Leonardo da Vinci, si terrà la seconda edizione del memorial "Daniele Discrede", torneo di calcio a 5 non competitivo riservato ai giovani calciatori di alcuni delle scuole calcio di Palermo.

Martedì 24 Maggio 2016, alle ore 17.30, presso la chiesa "San Giovanni Apostolo" al Cep, sarà celebrata una messa di suffragio e di ricordo.

Martedì 24 Maggio 2016 alle ore 20, una fiaccolata di commemorazione partirà dalla piazza di Passo di Rigano e si concluderà in Via Roccazzo 92, presso l'attività commerciale dove è stato commesso l'efferato omicidio.

Qui verranno letti alcuni dei numerosi messaggi di ricordo pubblicati sui social network, giunti in questi due anni dalla scomparsa del giovane commerciante. La sera del 24 Maggio 2016, durante una rapina dall'esito sanguinoso, ha perso la vita Daniele Discrede, 42 anni, colpevole alle ore 22 di un sabato sera, di non essere in pizzeria con la figlia, ma con la stessa di essere ancora al lavoro a chiudere la propria attività.

Sin dai momenti successivi al tragico evento è stato apprezzato il lavoro degli inquirenti e dei magistrati preposti al caso, caratterizzato, peraltro, anche da una grande umanità nei confronti dei familiari della vittima, riscontrato dai congiunti di Daniele. Ma passati due anni dalla scomparsa di Daniele, nessuna traccia o ipotesi investigativa è stata formulata per giungere alla definizione della vicenda ed ad assicurare gli assassini alla giustizia.

Di conseguenza la famiglia Discrede, pur comprendendo le notevoli difficoltà a cui sono sottoposte le forze dell'ordine nell'espletamento del loro compito, avverte una sensazione di disagio, quasi di abbandono, non spiegandosi dall'esterno la mancanza di informazioni da parte degli inquirenti e la mancanza assoluta di segnali da parte delle forze di polizia sul territorio.

Si ha la sensazione che questo di Daniele Discrede, fortunatamente, non potendosi classificare ad oggi come delitto di mafia o di racket, insomma senza un'etichetta classica, sia stato declassato a delitto di serie B, con una conseguente attenzione dedicata, non degna della grande ribalta. La famiglia Discrede, pertanto, seppur con grande discrezione, nello stile che l'ha sempre caratterizzata nel lavoro e nei rapporti con le istituzioni, chiede a gran voce giustizia, rammentando a tutti che non è ammissibile perdere la vita mentre si sta lavorando e che in tal senso per le vittime non ci sono categorie di appartenenza: sono tutte uguali com'è uguale il dolore e lo strazio dei familiari colpiti da tali tragedie.

Nulla in questi due anni , è stato lasciato di intentato, persino la partecipazione a trasmissioni televisive come "Chi l'ha visto?" o "I fatti vostri" nel tentativo di diffondere la notizia al grande pubblico, nella speranza di raccogliere qualche segnalazione agli inquirenti, che potesse dare una svolta alle indagini. Nella certezza e nella fiducia che chi di dovere compia quel doveroso e umano slancio nell'incentivare le indagini, per riconoscere verità è giustizia ad un ragazzo di 42 anni, ucciso sul posto di lavoro davanti alla propria figlia.

Il presidente

Fabio Cocchiara

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli eventi per la commemorazione di Daniele Discrede

PalermoToday è in caricamento