Cronaca

Evasione in paradisi fiscali, sequestrati 8 milioni a due imprenditori

Le aziende operavano nel settore del trasporto marittimo e i due responsabili avevano messo su un vero e proprio sistema di triangolazione per raggirare il sistema fiscale nazionale. L'operazione, denominata 'Screen' è coordinata a livello europeo dall'unità di cooperazione giudiziaria Eurojust

Beni per circa 8 milioni di euro sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza a due imprenditori operanti nel settore del trasporto marittimo, accusati di avere messo su un vero e proprio sistema di triangolazione con società con sedi in paradisi fiscali. Le Fiamme gialle hanno accertato che i due imprenditori, Alfredo e Giovanni e Barbaro, grazie alle società sono riusciti a creare un sistema di evasione fiscale internazionale, riciclaggio, appropriazione indebita, intestazione fittizia di beni. L'operazione, denominata 'Screen', è coordinata dai sostituti procuratori Claudia Bevilacqua e Calogero Ferrara e condotta dal Nucleo di polizia tributaria delle Fiamme gialle, con il supporto del Secondo Reparto del Comando generale del Corpo (GUARDA IL VIDEO).

L'indagine ha preso il via da un'inchiesta avviata dal Fiod olandese, unità specializzata nel contrasto delle frodi finanziarie ed economiche, nei confronti di un'organizzazione transnazionale attiva in Italia e Olanda e con interessi ramificati in diversi Stati, tra cui le Isole Vergini Britanniche, Bahamas, Svizzera e Principato di Monaco, facente capo a due imprenditori originari dei Paesi Bassi. Sarebbero state emesse fatture per importi molto alti, al fine di permettere la fuoriuscita di capitali dai Paesi nei paradisi fiscali. L'inchiesta è coordinata a livello europeo dall'unità di cooperazione giudiziaria Eurojust.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Evasione in paradisi fiscali, sequestrati 8 milioni a due imprenditori

PalermoToday è in caricamento