Cronaca

Evasione fiscale, blitz della finanza Sequestrati beni per 20 milioni

Nel mirino delle fiamme gialle cinque aziende che operano nel campo della pubblicità. Le indagini coordinate da uno speciale pool della Procura che ha emesso 14 misure cautelative

Beni per un valore di oltre 20 milioni di euro riconducibili a evasori fiscali sono stati sequestrati dalla guardia di finanza che ha eseguito 14 misure cautelative emesse a conclusioni di indagini coordinate dallo speciale pool della Procura della Repubblica. Colpite 2 ditte individuali e 3 società a responsabilità limitata, con sede in città. Nel primo caso il provvedimento ha riguardato una società operante nel settore della grafica pubblicitaria che aveva omesso di denunciare gli oltre 5 milioni di euro di ricavi fatturati nel periodo 2005-2010. Due i decreti di sequestro emessi, uno dal Gip e uno dal Pm Geri Ferrara, a carico del'intero complesso dei beni aziendali della società, che nel frattempo era stata resa inoperativa, tra cui un furgone, diversi arredi, tre computer, un carrello elevatore
ed altre attrezzature tecniche di valore come le macchine litografiche e per la stampa digitale. All'amministratore, un palermitano di 62 anni, sono stati sequestrati una porzione di un immobile, 3 autovetture ed un motociclo.

Pure nel campo della grafica pubblicitaria operavano le due ditte individuali i cui titolari, marito e moglie, pur avendo fornito le proprie prestazioni a primarie agenzie pubblicitarie ed a numerosissime imprese palermitane, sono risultati anch'essi evasori totali per non aver mai presentato le dichiarazioni dei redditi dal 2005 al 2010 e quindi mai versato alcuna imposta su 3 milioni di euro di ricavi. E' stato anche accertato che i due si erano anche prestati ad emettere fatture gonfiate o relative a prestazioni inesistenti a favore dei clienti che avevano bisogno di far lievitare artificiosamente i costi di esercizio per abbattere il loro reddito imponibile. Su disposizione del Gip e sotto la direzione del Pm Salvatore Leopardi, ai coniugi sono stati quindi sequestrati 2 appartamenti, 3 garage, 1 furgone e 3 motocicli, oltre a disponibilità finanziarie per circa 17.000 euro.

Ancora due provvedimenti di sequestro hanno poi interessato un'altra coppia di imprenditori: la moglie, legale rappresentante di una società per la gestione del proprio patrimonio immobiliare, e il marito, ritenuto il vero amministratore di questa società e di un'altra avente quale oggetto sociale lavori di costruzione e impiantistica. La prima ditta aveva evaso le imposte omettendo la contabilizzazione di una plusvalenza di 1,7 milioni di euro derivante dalla vendita di terreni edificabili e applicando illecitamente alla compravendita un'aliquota Iva ridotta. L'altra, invece, contabilizzando un acquisto fittizio di un altro terreno edificabile per un imponibile 500.000 euro oltre Iva. Il Pm Ferrara ha pertanto disposto il sequestro di 2 appartamenti e 2 studi, un intero fabbricato a Carini, numerosi appezzamenti di terreno siti a Palermo, Alia e Mazzarino, altre porzioni di immobili e terreni, un'autovettura, disponibilità finanziarie per oltre 20.000 euro e un piccolo "tesoro" in gioielli trovato in una cassetta di sicurezza.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Evasione fiscale, blitz della finanza Sequestrati beni per 20 milioni

PalermoToday è in caricamento