“Codice verde per il fidanzato” Riccobono contro ospedale Orbetello

La top model in vacanza in Maremma si è presenta al pronto soccorso di notte e non sarebbe stata assistita perché "La dottoressa stava dormendo". L'ospedale: "Urgenza differibile"

Eva Riccobono

La top model Eva Riccobono si è scagliata contro l'ospedale di Orbetello, in provincia di Grosseto, perché al suo fidanzato Matteo è stato riconosciuto "solo" il codice verde, per un dolore al costato e a un dito del piede, con conseguente rinvio al giorno successivo per le eventuali lastre. "Sono sconvolta!", scrive la modella su Twitter, dove ha aperto l'hastag #malasanitaospedaleorbetello. Molti gli utenti che si sono accodati per riempire di insulti la struttura sanitarie. Tutto perché, secondo la Riccobono, "ospedale di Orbetello non fa lastra a Matteo, con una sospetta frattura i 3 costole xché la dottoressa dorme!".

La coppia è in vacanza in Maremma e si è presenta all'ospedale di notte. Secondo la Riccobono, a loro è stato detto di tornare il giorno dopo perché "la dottoressa stava dormendo". "Vorrei vedere se fosse stata sua figlia", inveisce la modella.

Secca la replica dell'Asl di Orbetello: "Il paziente si è presentato al Pronto Soccorso, come lui stesso ha riferito, per un “dolore al secondo dito del piede sinistro”, non dovuto ad un trauma, intorno a mezzanotte e trenta del 31 luglio. Nell'occasione ha riferito anche di avere un dolore all'emicostato, a seguito di una caduta avvenuta 3 - 4 giorni prima. È stato registrato come codice verde (urgenza differibile)".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • Coronavirus, divieto di spostamenti tra regioni valido anche per quelle in area gialla

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Annientata la Cupola di Cosa nostra: arrivano 46 condanne, inflitti oltre 4 secoli di carcere

Torna su
PalermoToday è in caricamento