Da simbolo dell'antimafia all'accusa di estorsione, nuovo divieto di dimora per Maniaci

Il direttore di Telejato è accusato di estorsione nei confronti dei sindaci di Partinico e Borgetto. Il primo provvedimento era stato annullato dal tribunale del Riesame per un errore formale. Adesso la Cassazione ha dato ragione alla procura

Pino Maniaci non può vivere nè in provincia di Palermo nè in quella di Trapani. La Cassazione ha respinto, giudicandolo inammissibile, il ricorso presentato dai legali del direttore di Telejato contro il diveto di dimora, disposto dal tribunale del riesame a inizio giugno.

Maniaci è accusato di estorsione nei confronti di alcuni amministratori locali. Per lungo tempo simbolo dell'antimafia per le sue lunghe battaglie in difesa della legalità, secondo l'accusa Maniaci avrebbe chiesto denaro e agevolazioni ai sindaci di Partinico e Borgetto per evitare commenti critici sull'operato delle amministrazioni. (GUARDA IL VIDEO). Maniaci ha sempre respinto le accuse, lamentandosi di essere stato "punito" per le sue inchiste scomode.

A Maniaci sono contestate tre estorsioni. Per  quella a carico dell'ex assessore Gioacchino Polizzi di Borgetto, il gip non dispose il divieto di dimora (come invece chiedeva la procura). La misura fu emessa, invece, per gli altri due taglieggiamenti. Per un errore di notifica dell'udienza di discussione davanti al riesame, le misure vennero dichiarate nulle e il giornalista tornò a Partinico, dove ha sede Telejato.  Era rimasto al vaglio dei giudici il divieto di dimora per la terza estorsione. Contro la bocciatura del gip, la Procura ha fatto e vinto ricorso al Riesame che ha concesso il provvedimento. La misura non è stata però eseguita perché i legali di Maniaci, Antonio Ingroia e  Bartolo Parrino, hanno fatto ricorso in Cassazione. Con l'inammissibilità decisa dai giudici romani il divieto è ora esecutivo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Coronavirus, in Sicilia morti altri tre anziani: 75 i nuovi contagi, più della metà a Palermo

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento